“Bonaccini prenda esempio da Piacenza: mini centri educativi per i bambini”

Mini centri educativi che prevedono attività da svolgere all’aria aperta e con tutte le cautele sanitarie necessarie, gestiti da operatori del terzo settore e società sportive e con rette calmierate.

Questa la risposta messa sul tavolo dal comune di Piacenza rispetto alla problematica di quei genitori che riprenderanno la quotidianità lavorativa mentre le scuole non riapriranno prima di settembre. “Bonaccini e la sua giunta prendano esempio dall’amministrazione piacentina – dicono i consiglieri regionali della Lega, Matteo Rancan e Valentina Stragliati – che di fronte all’immobilismo del governo centrale ha elaborato, all’istante, una soluzione concreta e facilmente perseguibile”.

“Non è infatti concepibile avviare una fase ‘due’ della ripresa lavorativa senza garantire ai genitori la possibilità di affidare i propri figli in un contesto sicuro che non deve rappresentare un ‘parcheggio’ ma un sano ambiente di crescita, sviluppo psico-educativo e di socializzazione” concludono i due consiglieri piacentini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.