Quantcast

“Servono al più presto test sierologici per tutti gli operatori socio-sanitari: tuteliamo chi ci tutela”

“Il recente protocollo nazionale per la prevenzione e la sicurezza dei lavoratori dei servizi sanitari e socio sanitari/assistenziali ha previsto, tra l’altro, che tutti gli operatori vengano sottoposti prioritariamente ai test di laboratorio necessari a evidenziare un’eventuale positività al Covid-19. Tuttavia, nonostante la previsione riguardi anche tutti gli operatori del comparto socio sanitario-educativo assistenziale, nonostante le parole di rassicurazione ai tg nazionali del governatore dell’Emilia Romagna Bonaccini, si assiste, in particolare nelle strutture per anziani del territorio Piacentino, ancora ad un inspiegabile stand-by”.

E’ quanto dichiarano in una nota congiunta le sezioni locali dei sindacati Fpcgil, Cislfp e Uilfpl. “Abbiamo – continuano le sigle sindacali – avuto notizia dell’avvio presso l’Ausl dell’effettuazione dei test sierologici e dei tamponi in caso di riscontro di positività e auspichiamo perciò che venga calendarizzata al più presto l’estensione di tale misura di garanzia a tutti gli operatori del settore socio sanitario-educativo-assistenziale”.

“Osserviamo che da alcuni giorni vengono forniti in maniera più regolare i dispositivi di protezione individuale. Riteniamo che questo però, per quanto fondamentale, non sia sufficiente a garantire la piena tutela sia dei professionisti che degli ospiti delle strutture: la certezza di una diagnosi che dia immediatamente avvio ai corretti percorsi di isolamento e terapia è fondamentale per prevenire il contagio nelle strutture residenziali e altresì per evitare il comprensibile panico ed esasperazione che si stanno diffondendo fra gli operatori (e che rischiano di avere ripercussioni psicologiche sugli stessi operatori rendendo ancora più problematica la gestione delle strutture che si prendono cura quotidianamente dei nostri cari). I lavoratori hanno bisogno di poter operare in sicurezza”.

“Siamo consapevoli – il commento finale – che eseguire test e tamponi a tutto il personale comporta un impegno importante, siamo già in clamoroso ritardo e ribadiamo perciò la nostra disponibilità al confronto, con i mezzi consentiti dall’emergenza, su temi che riteniamo di primaria importanza per tutelare, in primis, chi ci tutela”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.