Baseball, Serie B al via il 14 giugno? Cambia il girone del Piacenza

Più informazioni su

Nel corso della riunione in videoconferenza con i vertici federali, le Società della Serie B di baseball (presenti 28 su 30) hanno approvato le proposte della Fibs volte ad affrontare l’emergenza Coronavirus.

Già si sapeva dell’ulteriore rinvio al 14 giugno dell’inizio dei campionati, ma da discutere c’era il nuovo format della stagione. Nella migliore delle ipotesi si andrà incontro ad un campionato in formato ridotto e quindi il benestare è arrivato per la riduzione del numero delle squadre in ognuno dei gironi, che conseguentemente da quattro divengono cinque.

In ogni raggruppamento sei squadre e così il Piacenza, nella nuova composizione, ritrova Fossano (Cuneo), Milano 1946, Ares Milano, Codogno e Reggio Emilia, già presenti nei gironi originari, ma perde le due parmensi Crocetta e Junior, dirottate nel Triveneto. In tutto dieci giornate, con turni a doppi incontri e quindi venti partite in totale. Si termina a metà settembre prevedendo una sosta ad agosto. Il format così concepito consentirebbe, senza bisogno di cambiamenti, un ulteriore spostamento della prima di campionato a metà luglio, nel caso in cui l’emergenza rientrasse con tempistiche più lunghe.

Una volta terminata la stagione regolare, e qui sta la grossa novità, non ci saranno play-off e play-out, con le retrocessioni in C azzerate e le prime classificate dei gironi direttamente promosse in A2. Nessun cambiamento in merito alle normative sugli atleti comunitari, sul cui concreto utilizzo però permangono al momento molte incertezze, in quanto la diffusione su larga scala della pandemia rende remota la possibilità che, anche nel corso dell’estate, atleti europei possano arrivare nel nostro Paese.

“Le incognite – evidenzia il Piacenza Baseball – sono ancora tante e ogni progetto è oggi come oggi relegato più che altro allo stato di speranza, anche se la vitalità dimostrata dalle società nel corso dell’incontro ha se non altro rappresentato un incoraggiante segnale di ottimismo. E a questo proposito non ha mancato di far piacere l’intenzione espressa dal Presidente Federale Andrea Marcon di essere presente, nell’auspicato turno d’esordio del 14 giugno, al diamante di Codogno per il derby Codogno-Piacenza, espressione di un territorio tra i più martoriati dall’epidemia. Poter giocare quelle partite vorrebbe dire aver vinto una prima battaglia”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.