Il sindaco scrive al Governo “No al silenzio assenso, via libera solo a servizi essenziali”

Il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri ha scritto al Governo per chiedere di rimuovere la clausola della deroga che sta consentendo a 1300 aziende, nella nostra provincia, di continuare la propria attività nonostante le limitazioni imposte per contenere la diffusione del coronavirus.

Barbieri, facendo proprio l’appello del personale sanitario, paventa che si possano vanificare tutti gli sforzi fatti fino ad ora.

“Ho scritto al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al Ministro della Salute, Roberto Speranza, al Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, al Ministro degli Interni Luciana Lamorgese e per conoscenza al Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini” dice il primo cittadino.

“Il Governo ha disposto che possano continuare ad operare solo le attività essenziali per la popolazione e le relative filiere. Ha poi previsto che le attività escluse, qualora ritenessero di essere essenziali per la popolazione o per le filiere, potessero chiedere al Prefetto una deroga. Il problema è che alla Prefettura di Piacenza sono arrivate già 1.273 richieste e che in attesa delle dovute verifiche, queste aziende – in virtù delle normative in essere – si ritengono legittimate alla prosecuzione della attività invocando il silenzio assenso”.

“Ho portato all’attenzione del Governo e della Regione la preoccupazione che queste aperture effettuate aggirando le disposizioni con il sistema delle autocertificazioni possano portare ad una seconda ondata di contagi, vanificando tutti gli sforzi fatti sinora”.

“I medici, gli infermieri e tutti gli operatori in prima linea ci chiedono di perseverare, di restare in casa perché la situazione di grave emergenza che stiamo vivendo possa migliorare”.

“Consapevole delle gravi difficoltà del tessuto economico (che stiamo prendendo in serissima considerazione cercando di mettere in campo tutte le azioni possibili a sostegno delle aziende e dei lavoratori piacentini) ho quindi chiesto al Governo e alla Regione di provvedere ad escludere il ricorso al “silenzio assenso” per consentire alla Prefettura di valutare le istanze caso per caso e di concedere l’apertura in deroga solo per situazioni di reale necessità e per servizi essenziali per la popolazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.