Quantcast

Il virus causa la morte soprattutto degli uomini (63%) ultraottantenni LA GRAFICA

L’andamento del contagio da Covid19 in Emilia Romagna raccontato coi numeri.

Il commissario per l’emergenza Sergio Venturi nella sua tradizionale conferenza in diretta Facebook ha fornito un bilancio dell’epidemia dalla sua esplosione nella nostra regione fino ad oggi, attraverso una serie di infografiche molto chiare (SCARICA QUI IL PDF), dalle quali si evicono alcuni elementi importanti.

L’infezione colpisce senza distinzione di sesso, ma i decessi riguardano per il 63% i maschi e “solo” il 36% le femmine. Su 20mila e 752 casi di positività al virus registrati al 14 di aprile, la fascia d’età più colpita è quella compresa tra 50 e 60 anni, con 3mila 745, mentre l’infezione in un’incidenza molto bassa tra i giovani sotto ai 30 anni. Sul fronte dei decessi le persone di età compresa tra 80 e 90 anni sono i più esposti con 1133 morti. Sono “solo” sette gli under 40 deceduti e tutti con patologie pregresse.

Quanto alla crescita dei contagi, la settimana più “nera” in regione è stata quella compresa tra il 22 e 26 marzo, con 4111 positivi. Un altro dato sottolineato da Venturi è la percentuale di positivi a fronte del totale dei test effettuati: nell’ultima settimana il numero si è ridotto all’11 % ma ha toccato un picco del 28% tra il 16 e il 22 marzo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.