Isola Serafini laboratorio di innovazione e sostenibilità, la Regione finanzia il progetto

Più informazioni su

Isola Serafini come un laboratorio a cielo aperto per la sperimentazione di un’azione pilota su economia circolare, turismo e mobilità sostenibile.

E’ l’ambizioso progetto del Comune di Monticelli (Piacenza) finanziato dalla Regione Emilia Romagna, che ha stanziato oltre 481 mila euro per 11 progetti realizzati sul territorio, anche tra soggetti dello stesso settore, per interventi finalizzati all’innovazione delle imprese regionali. I progetti finanziati – spiega la Regione -attiveranno percorsi di formazione, co-progettazione e sperimentazione di azioni pilota sui temi dell’economia circolare e gestione sostenibile delle risorse, innovazione sociale, turismo e mobilità sostenibile.  E’ questo l’obiettivo anche del progetto piacentino, che si propone di sfruttare il potenziale di Isola Serafini attraverso il patrimonio naturale, le attività agricole, le importanti infrastrutture energetiche e idroviarie, oltre a iniziative turistiche e ricettive.

La finalità della Regione è quella di “produrre impatti positivi sui territori interessati” (le province di Reggio Emilia, Parma, Forlì-Cesena, Ferrara, Ravenna, Rimini, Piacenza e Modena) e “sostenere l’innovazione e la competitività delle imprese”. I progetti sono coordinati dagli Enti locali, supportati dai Clust-ER Green-tech, Create ICC, Agrifood e dai Centri per l’Educazione alla sostenibilità dei territori coinvolti. Con questa misura la Regione ha inteso “potenziare la rete dei laboratori, un’azione avviata nel 2013 in collaborazione con gli enti locali e le Camere di commercio dell’Emilia-Romagna, puntando sull’integrazione trasversale tra tutti i soggetti che concorrono alla realizzazione della strategia regionale per lo sviluppo sostenibile”.

“I progetti finanziati dimostrano come sia possibile declinare lo sviluppo sostenibile in azioni strategiche territoriali, che attraverso co-progettazioni permettano di costruire una società basata su buone pratiche – ha affermato l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Vincenzo Colla–. Si tratta di percorsi condivisi che attraverso approcci innovativi sono in grado di produrre benefici diffusi. Per questo rappresentano modelli da premiare e a cui guardiamo con grande attenzione per il futuro dell’Emilia-Romagna”.

Il bando ha riscontrato un grande interesse in tutto il territorio regionale, testimoniato dal numero di progetti, dalla varietà dei temi proposti e caratterizzati rispetto alle caratteristiche dei sistemi produttivi territoriali. Sono 27 le proposte pervenute, sostenute da ampi partenariati che comprendono enti locali, camere di commercio, associazioni Clust-ER, centri di educazione alla sostenibilità, imprese, associazioni e università. A fronte della varietà e qualità delle proposte presentate, la Giunta Regionale ha deciso di incrementare lo stanziamento inizialmente previsto (360mila euro), portandolo a 481,5 mila euro per il biennio 2020-2021 le risorse a disposizione.

“Inoltre – ha aggiunto l’assessore Colla – con la programmazione delle attività relative al biennio 2020-2021 si intende consolidare il passaggio, già avviato nel precedente triennio, verso un approccio sistemico che, superando il tradizionale concetto di responsabilità sociale di impresa basato sulla realizzazione di singole iniziative volontarie, vede le imprese assumere la sostenibilità come fattore di crescita e innovazione, attraverso processi strutturati e integrati nel proprio business”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.