La magia della lettura: la miglior cura di questo tempo

Riceviamo e pubblichiamo il contributo di Vittoria Prazzoli, studentessa di quarta al liceo scientifico Volta di Castelsangiovanni (Piacenza) e caporedattrice del Voltafaccia. 

Oggi è la Giornata mondiale del libro e, per molti di noi piacentini, sarà diversa dagli altri anni: non potremo recarci in libreria per comprare i nuovi titoli, appena usciti, che hanno magicamente attirato la nostra attenzione. Dovremmo accontentarci di ordinarli su Internet o di scaricare le versioni digitali o di riscoprire i vecchi romanzi che abbiamo già letto più volte e di cui ci siamo follemente innamorati. Ciò che affascina i lettori sono i personaggi e le storie più bizzarre ed intricate, che i vari autori inventano per suscitare emozioni nel cuore di chi sfoglia le pagine, e, soprattutto, per permettere a chi legge di vagare con la fantasia.

Stiamo viaggiando, grazie alle parole, immaginandoci in un Paese lontano oppure in vacanza al mare o in montagna, pensando di poter abbracciare i nostri parenti o di condividere dei momenti meravigliosi con gli amici. Stiamo cercando di perderci tra le pagine dei nostri libri preferiti, tra le note di ogni canzone e tra le storie delle diverse serie tv, immedesimandoci nei ruoli dei protagonisti. A volte vorremmo solo scappare e i libri diventano un meraviglioso rifugio insostituibile. In fondo, è proprio ciò di cui abbiamo bisogno in questo periodo: perderci nell’immaginazione, per cercare di trovare un rimedio alla triste situazione che ci circonda. Sentiamo la necessità di viaggiare all’interno della nostra anima, perché già da tempo risuona imperterrita dentro di noi una domanda importante: “Chi stiamo diventando e chi saremo dopo questa quarantena”? La verità è che le pareti in cui siamo rinchiusi, nonostante abbiano sempre di più le sembianze di una prigione, da cui risulta praticamente impossibile scappare, ci stanno aiutando a riscoprire il valore di noi stessi e a ritrovare il nostro equilibrio interiore.

Forse, la nostra assurda e frenetica quotidianità non ci ha mai permesso di valutare e di valorizzare appieno la vita. Questa “reclusione” in casa ci sta facendo percepire un’infinità di emozioni contrastanti, che non avremmo mai pensato di poter provare. Abbiamo iniziato a sostituire l’“io”, assolutamente egoista, ad un’espressione più dolce e collettiva: il “noi”. Stiamo acquisendo una nuova sorprendente maturità, che ci sta rendendo una grande famiglia. Forse, stiamo imparando ad essere tutti fratelli, preoccupandoci per il benessere e la salute di coloro che ci circondano. Alla fine, i collegamenti a distanza, tramite le diverse piattaforme Internet, stanno diventando sempre più difficili da gestire e da sostenere, seppur per ora siano il modo più efficace per limitare il contagio da Coronavirus. Risulta praticamente impossibile distruggere la freddezza della lontananza e del dialogo attraverso il gelido schermo di un computer, ma almeno abbiamo ancora la possibilità di restare in contatto con le persone amate e di continuare il nostro lavoro quotidiano: sebbene la situazione sia particolarmente stressante, grazie alla connessione a Internet riusciamo a non sentirci soli e a dimostrare il nostro affetto a chi sta soffrendo.

Tuttavia, non vediamo l’ora di poterci guardare nuovamente negli occhi, perdendoci negli sguardi altrui, mentre le nostre braccia si aprono di fronte ad ognuno, in cerca di un meraviglioso abbraccio, tanto cercato e desiderato in questo periodo. Sono sicura che un giorno la nostra tenacia e il nostro impegno verranno ripagati. Intanto, la magia della lettura non ci abbandona e, durante i momenti tristi, può essere considerata come la miglior cura di questo tempo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.