Quantcast

Murelli (Lega) al ministro Speranza “Si faccia chiarezza sul presunto ‘paziente uno’ a Piacenza”

Più informazioni su

“Il ministro della Salute, Roberto Speranza, faccia chiarezza sul presunto “paziente uno” che sarebbe stato trasportato da una casa di cura privata di Piacenza all’ospedale, tesi sostenuta da inchieste giornalistiche del Fatto Quotidiano e di Report; il ministro poi dica se ritenga di far intervenire la Regione Emilia Romagna per dare spiegazioni su quanto avvenuto e descritto negli articoli da Selvaggia Lucarelli e da Report”.

Lo chiede, in una interrogazione la deputata piacentina della Lega, Elena Murelli, la quale riprende le due testate “che avevano – il commento di Murelli – sollevato il dubbio che il paziente 1 contagiato da Covid-19 non fosse stato registrato a Codogno, ma a Piacenza, alla Casa di cura “Piacenza”. La struttura – prosegue la deputata Lega – oggi è stata riconvertita a ospedale Covid. Il Fatto aveva riportato la testimonianza di un’infermiera della struttura che a gennaio aveva visto portare via, in biocontenimento, un paziente. Inoltre, un medico che aveva lavorato in quella Casa di cura era risultato positivo il 12 febbraio a Tenerife”.

“A questi casi – aggiunge Murelli -, va aggiunta un’altro paziente, nella Casa di cura Sant’Antonino (facente parte dello stesso gruppo della prima) che è stato prelevato dagli operatori sanitari del 118 in data 17 febbraio 2020 ed è, poi, risultato anch’egli positivo al COVID-19”.

“La Casa di cura Piacenza – ricorda Murelli – aveva dichiarato che la struttura si sarebbe attenuta alle disposizioni impartite dall’ospedale Guglielmo da Saliceto di Piacenza; per quasi un mese, dunque, di tali circostanze non è stata riportata alcuna notizia, né è stato dato alcun allarme, fino all’uscita dell’articolo su “Il Fatto quotidiano” del 18 marzo 2020”.

“La chiarezza – conclude la deputata piacentina – anche quella sull’operato dei vertici del sistema sanitario regionale nella gestione della vicenda è necessaria alla luce dell’epidemia poi esplosa. Perché ogni giorno di vantaggio, infatti, avrebbe potuto rivelarsi fondamentale nel contenimento dell’epidemia che, ad oggi, ha causato in Italia oltre dodicimila morti».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.