Operazioni di trading: asset privilegiati e strategie vincenti

Più informazioni su

Dopo qualche settimana da incubo le borse mondiali stanno via via risalendo la china ma è difficile francamente dire che il peggio sia passato.

L’inizio di Aprile in questo senso sarà davvero rivelatore e potremo sapere finalmente cosa ci aspetta in questo 2020 a livello finanziario, fino ad allora però che fare? Dato il periodo molto delicato ogni investimento dovrà essere soppesato con la giusta calma e decisione, pena il rivelarsi un totale buco nell’acqua. Vediamo dunque come provare a muoversi finanziariamente in questo strano fine marzo e a dare alcune opinioni sul trading.

Mercato e finanza: consigli utili e strategie

Partiamo con il vedere quali asset risultano più convenienti e quali assolutamente da evitare. Partiamo con le mine vaganti di questo periodo. Tra tutte un asset su cui non si consigliano investimenti in questo periodo è Tesla inc. nonostante la buona prova per un’azienda del genere (si vedrà come il settore dei trasporti e delle vetture è stato fortemente colpito) nella giornata di ieri ha subito un calo troppo deciso per essere ignorato. Si tratta tutto sommato di un buon titolo che rimane ancora troppo nebuloso per poterlo considerare a sufficienza e potrebbe comportare dei rischi francamente inutili. I trasporti tutti non stanno navigando in buone acque: ciò è dovuto soprattutto alle misure restrittive date dal COVID-19, che hanno immobilizzato paesi come Cina o Italia e potrebbero diffondersi anche in Spagna o Francia.

Correlato ad essi c’è poi il petrolio. Anche qui consigliamo di evitare questo asset anche se tutto sommato risulta essere in lieve risalita. Qui sono le complesse situazioni di geopolitica medio-orientale ad influenzare il settore e non è facile intuire le prossime mosse di Russia o Turchia: meglio evitare problemi. Infine a malincuore si deve segnalare la Caporetto di Unicredit, in discesa costante e vertiginosa. Purtroppo l’istituto bancario sta soffrendo come pochi tutto il periodo e non sembrano esserci vie di fuga per l’immediato futuro.

Passiamo adesso a ciò che interessa maggiormente, ossia gli asset più interessanti del momento. Come ci si poteva aspettare, aziende come Amazon, Facebook o Microsoft stanno passando un buon periodo e non sono state per niente influenzate negativamente dalla crisi da coronavirus. Fa specie in questo caso ravvisare la brutta prova di Twitter che invece non sembra essere in buona salute. Capitolo a parte va fatto per le criptovalute. Bitcoin rimane sempre un titolo molto volatile che può offrire opportunità soprattutto agli shortisti. È pertanto un asset da tenere sott’occhio ma solo se si è molto abili ed esperti, in caso contrario può infliggere qualche brutto colpo. Per la criptovaluta più importante al mondo l’appuntamento è tra meno di due mesi, quando ci sarà finalmente il tanto atteso terzo  Halving.

Saranno quindi sminati ancora altri Bitcoin e se il titolo confermerà le aspettative e ricalcherà le prestazioni corrispondenti ai precedenti halving, il titolo potrebbe letteralmente schizzare nella stratosfera. Questo almeno secondo i supporter storici di BTC, come per esempio Anthony Pompliano o John McAfee. Secondo il primo il titolo potrebbe raggiungere i 91.000 dollari entro la fine dell’anno, il secondo spara ancora più in alto e parla di un milione di dollari ad azione per fine 2020. Per quanto francamente possano sembrare difficili certe quotazioni, rimane comunque vero che l’halving potrebbe dare un forte scossone alla criptovaluta che ha più volte deluso in questi ultimi anni. Più interessante è la situazione di Ripple che sembra in ascesa e non mostra segnali di sfaldamento. In questo momento risulta essere un investimento quasi sicuro, anche se è difficile dire per quanto tempo questa situazione possa continuare.

Ricordiamo infine che il mercato in questo Marzo è stato a dir poco instabile e tenere sotto controllo la situazione è fondamentale. Le cose possono cambiare da giorno a giorno e da ora a ora e dunque occhi aperti e sempre vigili.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.