Le Rubriche di PiacenzaSera - Confindustria

“Protocollo condiviso per tutelare i lavoratori e riaprire il prima possibile”

Un protocollo condiviso, da associazioni datoriali e sindacati, per consentire anche a Piacenza di avviare la “fase 2”.

E’ la proposta di Alberto Rota, presidente provinciale di Confindustria, al quale abbiamo chiesto di anticipare alcune delle richieste che porterà al tavolo anti – crisi aperto dal sindaco e dal presidente della Provincia Patrizia Barbieri, nella giornata di martedì prossimo. “La nostra richiesta è quella di riuscire ad abbinare la massima tutela possibile dei nostri lavoratori – dice – accanto alla possibilità di riaprire il prima possibile le nostre attività”.

“A questo scopo sarebbe utile definire un protocollo condiviso con i sindacati, per mettere a punto le azioni necessarie (misurazione della febbre, screening, ecc, ndr ) e praticabili in grado di isolare i sani e gli immuni e consentire a loro di lavorare, ovviamente rispettando tutte le prescrizioni di sicurezza, come il distanziamento sociale e la dotazione dei dispositivi di protezione individuale”. L’obiettivo è di consentire alla provincia di Piacenza – dove vigono limitazioni più stringenti – di allinearsi all’ordinanza della Regione Emilia Romagna, consentendo una ripartenza delle attività dal 27 aprile. Per le aziende – dice Rota – è molto preoccupante questa situazione di stallo. Ma sarà la sanità ad esprimersi in merito: questo è il nostro auspicio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.