Stragliati e Rancan (Lega) “Si vigili su parrucchieri ed estetisti abusivi”

“Occorre vigilare affinché la chiusura forzata e prolungata di saloni di acconciatura ed estetisti non presti il fianco alle parrucchiere e sedicenti esperte di cosmesi, che si recano a domicilio in sfregio sia ai decreti e alle misure di sicurezza che alle basi della concorrenza leale”.

E’ l’appello lanciato dai consiglieri regionali leghisti piacentini, Matteo Rancan e Valentina Stragliati, che “rilanciano quello di numerose associazioni di categoria. Soltanto alcuni giorni fa – dichiarano -, Confartigianato aveva messo in allerta a livello regionale per quello che si starebbe verificando in varie zone, “per via di chi approfitta della chiusura di saloni e centri estetici per vendere servizi a casa dei clienti, provati da settimane di quarantena, e che si concedono con un senso di ritorno alla quotidianità a parrucchiere improvvisate, manicure, estetiste, arrecando un danno gravissimo ad un settore che vede il proprio “stop” prolungato fino al 1° giugno dalle misure adottate dal governo. Accanto a ciò – evidenziano Rancan e Stragliati -, esiste anche un problema di salute per i cittadini: le Istituzioni sono irremovibili nel dire che occorre riaprire in sicurezza, mentre registriamo testimonianze a tutte le latitudini di un fenomeno sotterraneo che rischia di agire come un vettore di contagio”.

“Inoltre – continuano -, mentre i saloni e i centri estetici, da sempre, devono sottostare a rigorosi requisiti igienico-sanitari, assicurando l’utilizzo di prodotti certificati, le stesse tutele e garanzie, di igiene e qualità, non possono essere rispettate da professionisti abusivi che si recano a domicilio, creando un danno gravissimo all’economia e all’erario”. “Pertanto – concludono i consiglieri – la giunta regionale valuti anche la possibilità che i parrucchieri possano riaprire anche prima della data del 1° giugno, fissata dal Governo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.