Decreto Rilancio, Girometta (FI) “Servono certezze sui fondi per i comuni piacentini”

“Le ultime notizie sul Decreto Rilancio mi fanno seriamente preoccupare su quello che sarà l’esito all’approvazione finale di questo provvedimento”.

Lo dice in una nota il Commissario provinciale di Forza Italia Gabriele Girometta. Che aggiunge: “I 200 milioni inizialmente promessi per le province più colpite, fra le quali vi era anche Piacenza, adesso fanno gola anche ad altri territori e i Governatori Zaia e De Luca hanno avanzato proposte per spartire un tesoretto che già è insufficiente per supportare appieno le difficoltà di ripresa dei territori a cui inizialmente erano destinati. In questi giorni il Premier Conte si è affrettato a dire che la somma verrà ulteriormente integrata a garanzia di soddisfacimento delle nuove richieste ma chi ha gli uomini al Governo deve rendersi garante che ciò avvenga e nel più breve tempo possibile. Il PD di Piacenza, che esprime pure il Ministro Paola De Micheli, deve farsi portatore delle istanze del nostro territorio e della città in particolare. Come già anticipato a mezzo stampa, il Sindaco Patrizia Barbieri ha già quantificato una perdita di entrate comunali quantificate in 8 milioni di euro a fronte dei 6,3 che dovrebbero comunque arrivare dal Decreto Rilancio. Tutti sappiamo che, se la cifra dovesse venire ulteriormente ridotta, l’amministrazione della Città, in questa fase 2 dell’emergenza, risulterebbe molto difficile anche per un buon Sindaco come ha dimostrato di essere, se mai ce ne fosse bisogno, Patrizia Barieri”.

“Sono oramai 3 mesi che la pandemia è in corso – prosegue Girometta -: si intravede la luce in fondo al tunnel dei contagi ma adesso bisogna affrontare le scelte economiche per supportare le imprese, e i Comuni devono essere parte attiva con la possibilità di esentare tasse e applicare aiuti ove possibile. In attesa che i vari bazooka economici promessi dimostrino di non essere caricati a salve, di estrema urgenza servono certezze definitive su quanto debba arrivare ad ogni Comune piacentino con particolare attenzione alla Città”.

“Al Sindaco Barbieri – afferma Girometta -, che è in prima linea anche come Presidente della Provincia, devono essere date tutte le certezze prima citate per far sì che possa essere in grado di attuare tutte gli strumenti necessari alla ripresa del territorio piacentino. Le idee non le mancano e nemmeno il coraggio: attendiamo subito l’approvazione del Decreto Rilancio senza sorprese o intromissione di altri che hanno minor titolo di una città come Piacenza dove, ricordiamo, il lockdown è stato il più lungo d’Italia e abbiamo avuto tra le più alte percentuali di contagiati e oltre 900 morti. Credo che di tutte queste cose che ho citato il Governo ne debba tenere assolutamente conto e, lo ribadisco a chi ne fa parte, non lo si debba dimenticare mai, in modo che Piacenza e la sua Sindaca possano lavorare con i mezzi giusti per dare risposte adeguate alle tante problematiche che oggi affliggono la nostra economia dopo questo terribile periodo di fermo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.