Dopo la movida, mascherine e bottiglie in terra. Il sindaco “Potenziali bombe virali, non abbassiamo la guardia”

Degrado post-movida a Piacenza, il sindaco Patrizia Barbieri si sfoga sui social.

“Per me vedere le foto di Brescia e di Milano, con tutti quei giovani assembrati senza rispettare le norme di sicurezza, è stato un colpo al cuore – scrive in un post su facebook -. Ma non voglio scrivere l’ennesima ramanzina perché qualcuno ha fotografato anche a Piacenza un gruppo di ragazzi in piazza Cavalli, in piedi fuori dai locali. Comprendo la loro voglia di divertirsi e di lasciarsi alle spalle il dolore e la paura. Le relazioni umane sono importantissime e mai come in questa crisi ce ne siamo accorti. Ma al tempo stesso non possiamo abbassare la guardia. Basta una piccola disattenzione per tornare a rivivere l’incubo che vorremmo tutti dimenticare”.

“Allora mi concentrerò su una cosa apparentemente marginale – continua -, ma che rappresenta proprio una di quelle disattenzioni che può costarci cara. Finita la serata abbiamo trovato a terra decine di mascherine, di guanti, ma anche di bottiglie, fazzoletti e bicchieri. Si tratta di potenziali bombe virali e sono sicura che, guardando queste foto, chiunque sarà d’accordo con me sul fatto che leggerezze come queste non possiamo proprio permettercele”. “So che per tornare a vivere e a lavorare dobbiamo accettare una dose ragionevole di rischio – il suo commento finale -, ma questo rischio smette di essere ragionevole quando abbassiamo la guardia e ci comportiamo in modo irresponsabile (oltre che maleducato). Pensateci. Pensiamoci tutti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.