“Dopo ok variante ospedale pronto in 4 anni. Posa prima pietra nel 2022”

“Il nuovo ospedale può essere realizzato in 4 anni, non 10. La prima pietra potrebbe essere posata nel 2022”.

Il consigliere di Fratelli d’Italia, Filippo Bertolini, ribadisce la posizione espressa durante il consiglio comunale di ieri, con il via libera alla variante al Psc che sancisce, di fatto, l’avvio della pratica del nuovo ospedale. “Non abbiamo bisogno di un commissario straordinario per velocizzare i tempi. Esiste già un modello Piacenza, è quello che abbiamo messo in pratica quando eravamo alla guida della Provincia e siamo riusciti a ricostruire, in 11 mesi, il ponte sul Po dopo il crollo – osserva il consigliere -. Non abbiamo quindi bisogno di commissari (come ha proposto il gruppo del Pd, ndr) e invece di rivolgerci al premier Conte, vista la scarsa considerazione accordata al nostro territorio durante l’emergenza, occorre sincerarsi che esista la volontà politica di accelerare i tempi di realizzazione del nuovo ospedale”.

La palla, insomma, passa a Ausl e Regione Emilia Romagna. “Il Comune quello che dove fare, l’ha fatto, con l’approvazione della variante, che ha i suoi tempi, ma questo non vuol dire che non si possa, nell’arco di 2 anni, arrivare a un progetto esecutivo e posare, nel 2022, la prima pietra del nuovo ospedale – afferma Bertolini -. Con l’intervento di aziende specializzate nella costruzione di infrastrutture sanitarie, l’opera potrebbe essere portata a termine nei due anni successivi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.