Esami patente, dietrofront: test teoria non in autoscuola e prova guida con esaminatore a bordo

Sono già cambiate, dopo soli tre giorni, le indicazioni del Ministero dei Trasporti sullo svolgimento degli esami per il conseguimento della patente di guida durante l’emergenza sanitaria. E spariscono due delle principali novità annunciate, vale a dire la possibilità di svolgere gli esami di teoria anche nelle autoscuole e la presenza del solo candidato a bordo durante la prova di guida.

Nelle linee guida diffuse dal Ministero, per quanto riguarda gli esami di teoria svolti presso le aule degli uffici della motorizzazione civile restano in vigore le indicazioni di sicurezza già emanate: oltre al rispetto dei generali principi di pulizia, delle regole di comportamento e dei dispositivi di protezione individuale, sarà necessario provvedere, tra le varie prescrizioni, a limitare il coefficiente di riempimento delle aule, a installare, ove possibile, schermi parafiato in plexiglass su tre lati delle postazioni d’esame, a differenziare i percorsi di ingresso ed uscita dall’aula e dall’edificio esami, privilegiare l’aggregazione in unico turno (e possibilmente anche unica aula), dei candidati della stessa autoscuola o dello stesso gruppo di autoscuole.

LE LINEE GUIDA PER LE AUTOSCUOLE

“Potranno, inoltre, essere stipulate – spiega il Ministero -, nel caso in cui l’articolazione dell’orario di lavoro non sia sufficiente ad assicurare in tempi ragionevoli lo svolgimento delle prove di esame teoriche, specifiche convenzioni ai sensi dell’articolo 15 della legge 241/1990 con altre Pubbliche Amministrazioni per l’utilizzazione di adeguati locali (mentre in precedenza era stata annunciata la possibilità di svolgere l’esame anche presso le sedi degli operatori professionali, come autoscuole e centri di istruzione, ndr). In tal caso, gli esami teorici si svolgeranno attraverso l’utilizzo di schede cartacee generate dal sistema informativo del Dipartimento. Le regole di distanziamento, sanificazione delle superfici, dei locali e degli impianti di climatizzazione, nonché le regole di accesso alle aule e gli obblighi di utilizzo di DPI e strumenti di igienizzazione delle mani sono le medesime adottate presso gli Uffici della motorizzazione. L’esaminatore incaricato avrà l’obbligo tassativo di sospendere o non avviare la prova d’esame qualora anche uno soltanto degli obblighi o delle regole sopra richiamate non fossero pienamente rispettate”.

Per quanto riguarda la prova di guida per le patenti di categoria B, diversamente da quanto annunciato, il test continuerà a svolgersi secondo le modalità consuete con la presenza contemporanea a bordo del veicolo di candidato, istruttore ed esaminatore, che “fermo restando l’uso obbligatorio dei DPI (mascherina protettiva e guanti monouso)” non potrà superare i 15 minuti. Allo scadere dei 15 minuti bisognerà procedere “al completo ricambio dell’aria e alla igienizzazione dello stesso prima di continuare la prova”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.