I sindacati “Posticipare prima rata Imu a settembre senza sanzioni”

“Bisogna dare ai cittadini la possibilità di posticipare la prima rata dell’Imu a settembre senza incorrere in sanzioni e oneri aggiuntivi”.

E’ questa una delle misure richieste dai segretari provinciali Cgil, Cisl e Uil per far fronte agli effetti dell’emergenza Covid-19 sull’economia del territorio piacentino ed contribuire a ridurre gli spostamenti delle persone presso caf e uffici postali e banche in questa fase ancora delicata e incerta. “Coloro che si trovano in situazioni di difficoltà e non sono momentaneamente in grado di rispettare la scadenza della prima rata dell’Imu, fissata per il prossimo 16 giugno, devono poter decidere se rimandare il versamento al prossimo 30 settembre, ma senza incorrere in alcuna sanzione o pagamento di interessi” – sottolineano Gianlica Zilocchi (Cgil), Marina Molinari (Cisl) e Francesco Bighi (Uil), ricordando che “anche la dichiarazione 730 è stata spostata come termine al 30 settembre”.

Una richiesta che è stata avanzata dai sindacati confederali su tutto il territorio regionale e ha già destato interesse venendo accolta da diversi comuni della Regione, come Forli e Ravenna. “E’ una delle possibilità concrete per diminuire l’impatto della pandemia sui cittadini permettendo loro di organizzarsi, specie in un territorio come il nostro, colpito così duramente in termini di decessi e diffusione del virus”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.