Il coronavirus non ferma Concorto: confermata ad agosto la 19esima edizione

Più informazioni su

Concorto Film Festival ci sarà, e fisicamente. La 19a edizione del festival internazionale del cortometraggio è confermata e si terrà a Parco Raggio di Pontenure (Piacenza).

Lo fanno sapere gli organizzatori con una nota stampa in cui informano che le date già annunciate lo scorso inverno – dal 22 al 29 agosto 2020 – rimangono invariate. Sono ancora aperte le iscrizioni, che termineranno il 31 maggio (per i film completati nel 2020. Si può iscrivere il proprio film tramite il sito Shortfilmdepot, maggiori info su www.concortofilmfestival.com). “Concorto 2020 ci sarà e in maniera “live”, a Parco Raggio, all’aperto, nel rispetto dei protocolli di sicurezza – dichiarano ancora i promotori dell’iniziativa -. Riteniamo necessario pensare al festival come un’opportunità per tornare a stare insieme, anche se in maniera diversa. In fondo, è proprio questo uno dei motivi che animano Concorto: quello di promuovere il cinema come uno strumento per affrontare e comprendere il presente. Il moltiplicarsi delle opportunità di accesso digitale all’arte e alla cultura non fa che ricordarci del loro ruolo essenziale nelle nostre vite. Sono oggi a tutti gli effetti l’unica àncora di salvezza che abbiamo”.

“Confermate – continuano – anche le sezioni fuori concorso e i focus geografici, con la possibilità che una parte di essi vengano collocati online su una piattaforma. Tra le prime notizie i Focus geografici dedicati a Irlanda e Lituania, la conferma delle sezioni Deep Night (dedicata al cinema di genere, horror e fantastico) e UBIK (dedicato al cinema sperimentale). Si attendono importanti Prime Italiane, corti internazionali già vincitori di numerosi premi. Confermate anche la Giuria internazionale di esperti, professionisti del cinema, che saranno collegati da casa se impossibilitati a esser presenti fisicamente, come anche la Giuria Giovani e il seminario di critica cinematografica”.

“Prosegue il bestiario concortiano e proseguono le interpretazioni dell’asino, simbolo del festival, da parte di artisti e illustratori di fama internazionale – informano gli organizzatori -. L’asino della diciannovesima edizione di Concorto è stato affidato alle esoteriche mani di Nolan Pelletier, statunitense naturalizzato canadese, che ci porta nel regno degli arcani maggiori dei tarocchi. Nolan Pelletier è un artista, illustratore e designer originario del Connecticut (USA) ora residente a Toronto (Canada). Incallito collezionista di oggetti d’antiquariato tra i più svariati, Nolan trae ispirazione da un guazzabuglio piuttosto eclettico di influenze storiche. Le sue opere, ricche di colori, uniscono un tratto moderno e contemporaneo a dettagli decorativi provenienti da altre ere. Quando non è alle prese con consegne urgenti, setaccia compulsivamente eBay e i mercatini delle pulci alla ricerca di testi di design vintage, cura il suo giardino in affitto, o lavora alla sua rivista illustrata, The Somnolent Garden Rambler. Collabora con il New Yorker, il New York Times, il Village Voice e tante altre riviste”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.