In Trebbia come in spiaggia: distanza di un metro e cartelli in inglese per spiegare le regole

In Trebbia come in spiaggia. I Comuni dell’Unione Valtrebbia e Valluretta adotteranno la stessa ordinanza della Regione Emilia Romagna, che regola gli accessi alla riviera romagnola, per gestire la fase 2 del “mare” di Piacenza.

Le indicazioni della Regione saranno recepite in ordinanze ad hoc che l’Unione ha intenzione di varare dall’inizio della prossima settimana, spiega il presidente – e sindaco di Bobbio – Roberto Pasquali. Un’occasione, questa, per riscoprire e valorizzare ancora di più il nostro Appennino. “Sono vietati gli assembramenti, e le persone dovranno restare a un metro di distanza l’una dall’altra, a meno che non facciano parte dello stesso nucleo familiare – spiega  Pasquali -, evitando grigliate e pastasciutte all’aperto da mangiare in gruppo. Le regole da rispettate saranno riportate su cartelli in italiano e in inglese, con i loghi della Regione, Unione Montana e degli otto Comuni che vi aderiscono, vicino agli accessi al Trebbia, da Travo a Ottone”.

“Restano poi in vigore tutte le ordinanze già emanate negli anni scorsi, come quella ad esempio relativa al divieto di accesso ai cani – conclude Pasquali -. Il mio auspicio è che la gente usi la testa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.