La “fase due” parte piano, aumentano soltanto le auto in circolazione fotogallery

Più informazioni su

Autobus semivuoti, pochi viaggiatori in stazione, centro semideserto, soltanto qualche ciclista in più e le auto private che hanno ricominciato a muoversi.

Somiglia ancora molto alla “fase uno” la fase due dell’emergenza coronavirus scattata da stamattina lunedì 4 maggio a Piacenza. Lo documentano le foto che ritraggono una città – a metà mattina di lunedì – ancora in gran parte paralizzata. D’altronde le attività commerciali sono ancora chiuse, così come le scuole. Sui mezzi del trasporto pubblico, a capienza dimezzata per il distanziamento sociale, non si sono registrate criticità particolari: pochi passeggeri anche nel primo mattino.

Afflusso scarso anche in piazzale Marconi con i treni potenziati ma ancora piuttosto “scarichi”. Aumentato certamente il traffico automobilistico, con più auto e mezzi pesanti sulle strade urbane e in tangenziale. Di nuovo in circolazione anche i ciclisti, in tanti attendevano la fine del lockdown per tirare fuori dal garage la bici da corsa. Come da ordinanza comunale, i principali parchi urbani aprono dalle 14 di lunedì.

Piacenza, scatta piano la fase due

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.