Le Rubriche di PiacenzaSera - Cooperazione

Le fragole della solidarietà arrivano a domicilio “Nuova modalità per non frenare il progetto eXNovo”

La pandemia non ha frenato la maturazione delle fragole del carcere di Piacenza. Anzi, da circa una decina di giorni la produzione – complice anche l’esplosione della primavera – procede a ritmo serrato e il vero problema è diventato quello della distribuzione e della vendita.

“L’emergenza coronavirus ci ha costretto a cambiare strategia” – spiega Fabrizio Ramacci, presidente della cooperativa L’Orto Botanico, realtà che dal 2016 ha attivato una convenzione con il carcere cittadino (progetto eXNovo) avviando, nel tempo, quattro diverse attività che mirano al reinserimento socio-lavorativo dei detenuti: coltivazione e produzione di ortaggi, gestione del laboratorio di falegnameria, attività di apicoltura e – a partire dal 2018 nei terreni esterni alle mura di cinta – la coltivazione di fragole, che avviene in partnership con l’Università Cattolica del Sacro Cuore. “Se l’anno scorso – ricorda -, infatti, il raccolto era stato consegnato all’Ipercoop quest’anno, per ragioni di sicurezza, ovvero l’impossibilità di mantenere il distanziamento sociale, non si è potuto organizzare il confezionamento allo stesso modo. Da circa una settimana, quindi, dopo aver lanciato un appello su facebook ci siamo attrezzati con la consegna a domicilio, effettuata direttamente da un nostro operatore. Devo dire – commenta Ramacci – che stiamo avendo un ottimo riscontro, i clienti sono molto soddisfatti della qualità del prodotto”.

Ma non solo, la cooperativa sta battendo anche un’altra pista per far sì che il frutto del lavoro dei 4 detenuti attualmente impiegati a tempo pieno nel progetto non vada sprecato. “In questo momento riusciamo ad avere un quintale di fragole al giorno, stimiamo quindi che alla fine la produzione – che dopo il picco di questo mese si protrarrà in maniera meno intensa fino ad estate inoltrata – si attesterà sui 100 quintali. Un numero enorme, per questo abbiamo stipulato un accordo con una cooperativa di Bologna a cui forniamo le nostre fragole per la realizzazione di marmellate e composte”. “Ci tengo a sottolineare – dice Ramacci – che nonostante la drammaticità della situazione, i dirigenti e gli operatori del carcere di Piacenza ci stanno supportando pienamente e in maniera fattiva per continuare a lavorare in sicurezza. Siamo stati colti tutti di sorpresa, ma stiamo studiando nuove soluzioni per ripartire ancora più forte il prossimo anno e farci trovare pronti a qualsiasi evenienza”.

Poi un aggiornamento sul progetto eXNovo. “Sono contento di annunciare che da qualche tempo due detenuti coinvolti nell’iniziativa adesso continuano a lavorare con noi come cooperativa l’Orto Botanico”.

INFO E CONTATTI PER ORDINARE A DOMICILIO LE FRAGOLE DEL PROGETTO EXNOVO – Pagina facebook “L’Orto Botanico-Cooperativa Sociale”: https://www.facebook.com/lortobotanico/
mail: commerciale@lortobotanico.itCell. +39 328 1183562

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.