Mascherina e termoscanner, torna al centro culturale islamico la preghiera del venerdì

Dopo il lungo stop per contrastare la diffusione del coronavirus, anche la comunità islamica di Piacenza ha ripreso le proprie attività di culto, come la tradizionale preghiera del venerdì al centro culturale.

Ovviamente sono state adottate alcune precauzioni, oltre all’obbligo della mascherina è stato disposto l’utilizzo di termoscanner.

I partecipanti hanno dovuto portare con sé il proprio tappetino personale, mentre è stata vietata la partecipazione dei bambini al di sotto dei 12 anni, così come è stata sconsigliata la partecipazione della fascia della popolazione più vulnerabile (anziani, malati ecc..). Le funzioni – divise in due turni – si sono tenute all’aperto, nel cortile del centro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.