Girometta (vicesindaco Ottone) “Montagna risorsa da valorizzare con turismo e produzioni alimentari di qualità”

“Oggi per uno sviluppo concreto della montagna sono necessarie strategie di gestione del territorio capaci di conciliare i nostri valori culturali, ecologici ed economici, sulla base di modelli di sviluppo ambientali sostenibili”.

E’ la considerazione di Maria Lucia Girometta, vicesindaco di Ottone (Piacenza), sul tema dello sviluppo della montagna. “Il paesaggio è il primo elemento sul quale si poggia la nostra identità – afferma – e il nostro senso di appartenenza ai luoghi e alle comunità, è uno strumento fondamentale di coesione sociale e territoriale e determina la qualità della vita dei cittadini della nostra provincia. In una prospettiva di sviluppo sostenibile, la gestione della montagna e delle aree rurali deve essere strettamente integrata a quella delle aree urbane, nel contesto di strategie di area vasta in grado di governare in modo interconnesso, armonico e coordinato le diverse aree. La sfida per i nostri territori di montagna è quella di riuscire a coniugare efficienza, dinamismo economico e sostenibilità, ponendo attenzione alla loro fragilità e bellezza e ai loro valori culturali e naturalistici”.

“La nostra montagna – aggiunge – presenta dei paesaggi che sono elementi di forte attrattiva e possono rappresentare una grande risorsa, se adeguatamente valorizzati mediante l’integrazione tra attività turistiche, e produzioni alimentari di qualità. Occorre massima attenzione al turismo implementando nuove strategie e nuovi modelli di sviluppo di settore, puntando sulla qualità dell’ospitalità e dei servizi. In altri termini le attività economiche nel nostro territorio, soprattutto in montagna, vanno sempre più orientate verso obiettivi qualitativi, piuttosto che quantità. E’ inoltre assolutamente necessario far conoscere i caratteri storici, naturalistici, antropologici del nostro territorio e sostenere l’attrattività della montagna con azioni rivolte non solo ai turisti ma anche ai residenti”.

“E’ noto l’orgoglio di chi vive la montagna e pertanto è utile avere la consapevolezza del ruolo sociale di chi vi abita, riconoscendo e premiando le iniziative più efficaci, innovative e coraggiose – riflette Girometta -. Pertanto sono da premiare le iniziative orientate all’attivazione di progetti per valorizzare alberghi, b&b, agriturismo, e a ripristinare la “sentieristica”, tanto cara e necessaria per chi ama camminare. Per ultimo è importante che, per le azioni di marketing territoriale per promuovere i territori sul mercato turistico, serve una fattiva sburocratizzazione e una riqualificazione della viabilità di accesso alle valli”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.