Protocollo per sviluppo ricerca e innovazione: aperte le candidature anche ai privati

E’ on line, sul sito www.comune.piacenza.it – con evidenza anche in home page – l’avviso pubblico per la raccolta di manifestazioni di interesse tra i soggetti pubblici o privati che vogliano aderire al Protocollo per lo sviluppo e il coordinamento di azioni finalizzate alla crescita della ricerca e dell’innovazione sul territorio piacentino.

Il documento era stato siglato nel settembre 2019 dall’Amministrazione comunale con la sede cittadina dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, il Polo territoriale del Politecnico di Milano, il Conservatorio Nicolini, i consorzi Leap e Musp, Rse Spa, Fondazione Its, Fondazione Itl e la società consortile Art-Er. Obiettivo dell’intesa, promuovere e potenziare le iniziative scaturite, in ambito locale, dalle politiche regionali per la ricerca industriale, l’innovazione, il trasferimento tecnologico e le alte competenze, valorizzando gli atenei universitari e le realtà di eccellenza che Piacenza può esprimere in questo comparto.

“Nell’ultima riunione del Tavolo di coordinamento territoriale che riunisce le realtà firmatarie del Protocollo, agli inizi di febbraio – spiega il vice sindaco Elena Baio – avevamo convenuto di estendere l’adesione non solo ad altri enti pubblici, come lo sono tutti i sottoscrittori ad oggi partecipanti, ma anche a soggetti privati, impegnati sul fronte della ricerca e dell’innovazione, che fossero interessati. Lo scopo di questa rete, del resto, è proprio quello di favorire la collaborazione reciproca, lo scambio di informazioni, il costante aggiornamento sui progetti in corso e i servizi a sostegno del settore. Più si estende questa sinergia, maggiori potranno essere le opportunità anche in termini di manifestazioni ed eventi da realizzare insieme, rafforzando e condividendo la comunicazione sui temi e le realtà di eccellenza che intendiamo valorizzare”.

Sul sito web comunale è possibile scaricare il modulo di candidatura per l’adesione al Protocollo d’intesa, che non comporta oneri economici e finanziari per i componenti. Le manifestazioni di interesse dovranno pervenire entro lunedì 8 giugno tramite posta elettronica certificata, all’indirizzo protocollo.generale@cert.comune.piacenza.it. Una prima valutazione dell’ammissibilità sarà effettuata dagli uffici comunali di competenza, con particolare attenzione alle finalità dei richiedenti; attestata l’idoneità, la richiesta di adesione verrà sottoposta agli altri soggetti sottoscrittori del Protocollo, che nei 15 giorni successivi potranno esprimere il proprio parere.

Per ogni informazione a riguardo, è possibile rivolgersi ai numeri 0523-492196 e 0523-492085, o scrivere a francesca.cottini@comune.piacenza.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.