Terzo settore, dalla Regione 2,5 milioni per volontariato e società sportive

Dalla Regione Emilia-Romagna circa 2, 5 milioni di euro a disposizione di Organizzazioni di volontariato, Associazioni di Promozione sociale e Sportivo dilettantistiche.

Serviranno – informa l’ente di via Aldo Moro in una nota – per finanziare un Fondo per l’abbattimento dei costi di accesso al credito e sostenere i costi fissi sostenuti dagli Enti del Terzo settore colpiti dalla crisi. “C’è la difficoltà – dichiara la Regione, indicando le ragioni del finanziamento  – ad incassare i propri crediti e a sostenere i costi fissi (sedi, ammortamenti, leasing, utenze), perché non è possibile contare sulle entrate che derivano dalle attività ordinarie sospese a causa dell’emergenza sanitaria (attività aggregative, ricreative, culturali, sportive, ecc.). E questo crea inevitabili criticità che il Terzo settore si trova a dover affrontare per gestire la crisi economica determinata dal Coronavirus. Anche perché i recenti provvedimenti nazionali non hanno previsto l’estensione delle misure di sostegno previste per le imprese anche al mondo del no-profit”.

La dotazione complessiva del Fondo prevede 1,5 milioni da destinare ad enti del Terzo settore iscritti nei registri regionali e gli enti religiosi civilmente riconosciuti che svolgono attività di interesse generale e 1 milione per le associazioni e società sportive dilettantistiche. “Questo – fa sapere la Regione – grazie all’approvazione da parte dell’Assemblea legislativa di un progetto di legge di iniziativa della Giunta regionale sulle misure per la ripresa economica e sociale post lockdown da pandemia in regione. E a breve, la Regione pubblicherà uno specifico bando per individuare i Confidi (Consorzi che svolgono attività di prestazione di garanzie per agevolare le imprese nell’accesso ai finanziamenti) cui affidare la gestione del fondo per venire incontro alle esigenze degli Enti in difficoltà, soprattutto sul piano della liquidità”.

“Grazie all’approvazione del progetto di legge potremo intervenire in modo concreto per sostenere il Terzo Settore, che per effetto delle conseguenze dell’emergenza Covid 19 sta affrontando grandi difficoltà che mettono a rischio la loro sopravvivenza con effetti devastanti sul nostro sistema di welfare- sottolinea la vicepresidente e assessora al Welfare, Elly Schlein-. Con questo primo intervento Enti, Associazioni, Fondazioni ed Enti religiosi civilmente riconosciuti potranno riprendere le loro attività e salvaguardare il lavoro di tante persone che operano in queste strutture, che rappresentano una parte importante del tessuto sociale ed economico della nostra regione e più in generale del Paese”. “Nella sola Emilia-Romagna- prosegue la vicepresidente- l’economia sociale vede la partecipazione di 25mila organizzazioni che, pur non essendo iscritte al registro delle imprese, occupano oltre 20mila dipendenti e migliaia di collaboratori, liberi professionisti e volontari”.

“Un tessuto fondamentale della nostra società che ha contribuito e contribuisce fattivamente alla gestione dell’emergenza sanitaria- chiude- su cui sarà imprescindibile contare nella fase di ricostruzione che ci consegnerà una situazione inedita con conseguenze economiche e sociali preoccupanti e per le quali istituzioni e società civile dovranno attrezzarsi adeguatamente e collaborare attivamente nella ricostruzione graduale della socialità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.