Quantcast

I Giardini Margherita in “esclusiva” al Grest, da lunedì al via due settimane di attività in sicurezza foto

Ritorna il Grest “Don Bosco” ai Giardini Margherita di Piacenza.

Organizzato dalle parrocchie della Comunità pastorale 1 – San Savino, Sant’Antonino, San Paolo, Cattedrale e Sant’Anna – con la collaborazione degli “Educatori di Strada”, è aperto ai ragazzi dai 6 fino ai 17 anni e prenderà il via a partire da lunedì 22 giugno. A presentare i dettagli e le modalità operative di questa versione inedita post-emergenza sanitaria sono stati il sindaco Patrizia Barbieri, l’assessore alla Partecipazione e alla Sicurezza urbana Luca Zandonella e il parroco di San Savino don Alphonse Lukoki, accompagnato dai suoi collaboratori. Presente anche il vicecomandante della Polizia Locale, Massimiliano Campomagnani.

“Rispetto alla passata edizione – ha spiegato il coordinatore delle attività Jacopo Trabacchi – le settimane saranno due invece di quattro. Per favorire il distanziamento e il rispetto delle misure di sicurezza fornite dalla Regione, gli ingressi saranno scaglionati e a gruppi, così come le stesse attività. Inoltre, l’intero giardino sarà ad uso esclusivo del Grest dalle 8 di mattina fino alle 17, mentre successivamente sarà aperto a tutti, come al solito, fino a chiusura. Per iscriversi c’è tempo fino a lunedì; il protocollo consiglia un rapporto di un educatore ogni 7 ragazzi delle elementari e 1 ogni 10 per quelli più grandi (11-17 anni). Contando la presenza di una decina di adulti, più altri collaboratori, l’idea è quindi di suddividere i ragazzi in 4-5 gruppi”. Mascherine obbligatorie? “Sempre al chiuso – ha fatto sapere Trabacchi -, mentre all’aperto solo se si è impossibilitati a mantenere la distanza di sicurezza”.

“Poter replicare – il commento soddisfatto del sindaco Patrizia Barbieri – in questo luogo, seppur con le limitazioni e le normative in materia di covid, l’esperienza dell’anno scorso è sicuramente importante. Grazie al Grest questi giardini si erano riempiti di giovani e bambini, impegnati in esperienze ludico-educative e ricreative che danno educazione e consentono di recuperare socialità. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di dedicare lo spazio dei giardini ad uso esclusivo dei bambini per le due settimane di attività. Ritengo che sia un’iniziativa fondamentale anche per dare supporto alle famiglie, che hanno necessità di coniugare esigenze lavorative con la gestione dei figli in sicurezza”.

“Appena arrivato mi sono innamorato di questo giardino – le parole di Don Lukoki – e per questo mi sono detto: non è possibile lasciare questo luogo abbandonato e inaccessibile ai bambini. Ecco perchè il lavoro con l’Amministrazione per farlo tornare a vivere è stato importante. Sono contento di iniziare questo Grest, che in tanti fino ad aprile non pensavano di poter realizzare: da lunedì cercheremo di dare un buon servizio ai nostri bambini”. “In questi anni è nata una collaborazione bellissima con la parrocchia di San Savino – ha poi aggiunto l’assessore Zandonella -, quindi era doveroso far partire questo progetto. Se la situazione del quartiere è migliorata è dovuto non solo all’attività delle forze dell’ordine, ma anche grazie ad iniziative come questa”.

INFO ISCRIZIONI GREST “DON BOSCO” AI GIARDINI MARGHERITA – Il costo per la settimana è di 60 euro; non sono possibili pagamenti di quote giornaliere. La quota è comprensiva dell’assicurazione e dei pasti.  Iscrizioni online a questo linkPer avere maggiori dettagli contattare i referenti: Don Alphonse Lukoki +39 338 3499038 ; Susanna Rossi +39 327 3205214; Matteo Lunati +39 339 4534721; Per avere maggiori dettagli sulle norme vigenti relative ai centri estivi consultare il Protocollo della Regione Emilia-Romagna direttamente a questo link: https://www.regione.emilia-romagna.it/coronavirus/protocolli-di-sicurezza/centri-estivi/protocollo-er-centriestivi.pdf/view

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.