Imparare a coltivare un orto in città, parte un percorso rivolto ai giovani

E’ previsto per venerdì 12 giugno alle ore 17.30 l’evento di lancio del progetto del Comune di Piacenza “Il cibo che scelgo, il futuro che voglio”, nato per informare e attivare i giovani sul tema dell’agricoltura urbana come occasione di partecipazione, cittadinanza attiva e strumento di sostenibilità.

Il progetto, finanziato dalla Regione Emilia Romagna nell’ambito di Agenda 2030, ha visto una ridefinizione delle date e della modalità di attuazione in seguito all’emergenza Coronavirus, novità che verranno presentate durante l’incontro online, che si terrà sulla piattaforma GoToWebinar. L’evento introduce il ciclo di laboratori su orticoltura sociale, rigenerazione urbana e filiere locali del cibo che si avvierà a settembre 2020, a cui sarà possibile iscriversi entro il 20 agosto 2020. Il percorso, coordinato dalla ONG ACRA di Milano, prevede tre incontri tramite webinar, tre giornate attive nell’orto storico di Santa Maria di Campagna con le associazioni piacentine Cosmonauti e Praxis e una visita all’azienda cooperativa Arvaia di Bologna (naturalmente tutti gli incontri in presenza e la visita di studio saranno condizionati dagli sviluppi della situazione sanitaria) . Nell’appuntamento del 12 giugno verranno comunicati programma, date e modalità di iscrizione al percorso di settembre.

“Il percorso – spiegano i promotori – è aperto a chi desidera imparare a coltivare un orto in città e conoscere aziende, cooperative e associazioni di Piacenza che producono cibo sano e accessibile e promuovono inclusione; a chi vuole essere protagonista in progetti di cittadinanza attiva e costruire socialità intorno a un interesse comune. Più in generale, a chi è interessato ai temi del recupero di aree di verde urbano; al rapporto tra città, cibo e sostenibilità ambientale; a chi vuole capire come contribuire al processo di transizione ecologica delle nostre città”.

Nel primo appuntamento di venerdì verrà presentata in particolare l’esperienza dell’Associazione Cambalache di Alessandria – il cui progetto di apicoltura e agricoltura sociale e urbana “Bee My Job”, che coinvolge rifugiati e richiedenti asilo, è stato premiato e riconosciuto come modello virtuoso di integrazione, replicato in diversi contesti territoriali in Italia, con il sostegno dell’UNHCR – Agenzia ONU per i Rifugiati dal 2018. Parteciperanno all’evento di lancio Elena Muscarella di Fondazione ACRA, partner di progetto, in conversazione con Ilaria Leccardi, Mara Alacqua e Abdul Sane di Associazione Cambalache, promotrice di Bee my job. Per iscriversi all’evento del 12 giugno, inviare una e- mail a elenamuscarella@acra.it oppure a politichegiovanili@comune.piacenza.it. In alternativa, il link per il modulo di iscrizione online è il seguente: https://attendee.gotowebinar.com/register/4018725302511319056.

IL CIBO CHE SCELGO, IL FUTURO CHE VOGLIO è realizzato da Comune di Piacenza – Ufficio Politiche Giovanili, con il sostegno di Regione Emilia-Romagna Agenda 2030, ACRA, Associazione Cosmonauti, Associazione Praxis, Cooperativa sociale Officine Gutenberg, Sg21 srl, CIRFOOD, Cooperativa sociale L’Arco.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.