Nucleare, Foti (FdI) “Lo Stato dia immediatamente i 26 milioni di euro di risarcimento a Caorso”

“Assumere urgenti iniziative per dare seguito a quanto stabilito dalla Corte d’Appello di Roma”.

Lo chiede Tommaso Foti, deputato piacentino di Fratelli d’Italia, con una interrogazione rivolta al Presidente del Consiglio Conte ed al Ministro dell’Economia Gualtieri. “Per quanto attiene le risorse dovute ai Comuni interessati dalla presenza di centrali nucleari o alle stesse limitrofi, dopo una battaglia legale durata quasi dieci anni – rimarca Foti – il giudice civile è addivenuto ad un pronunciamento che riguarda da vicino il nostro territorio. Lo Stato dovrà infatti restituire all’incirca ben 26 milioni di euro a Caorso, mentre a Piacenza spetteranno 2,5 milioni”.

Il parlamentare del movimento politico di Giorgia Meloni rivendica il risultato: “Risarcire i territori interessati – spiega Foti – non è solo un atto dovuto per motivi di equità, ma specificatamente previsto da un emendamento presentato nel 2003 che, con l’allora collega Massimo Polledri, riuscimmo a fare approvare. Con riferimento alla sentenza della Corte d’Appello di Roma – sostiene Foti – debbo ringraziare Fabio Callori che, nel 2011 nella sua veste di Sindaco di Caorso e di Presidente della Consulta Anci, si è fatto coraggiosamente promotore della iniziativa legale”. Per il deputato di piacentino quindi “non vi è un minuto da perdere, lo Stato nelle sue competenti articolazioni provveda a mettere in campo le risorse necessarie a risarcire i Comuni oggetto della sentenza, con particolare riferimento a Caorso e Piacenza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.