“Punti di primo soccorso a Castello e Fiorenzuola sono solo fumo negli occhi”

Nota stampa di Carlo Juri Tosca, consigliere di maggioranza del Comune di Castelsangiovanni (Piacenza)

Ennesimo fumo negli occhi del DG Luca  Baldino  in Commissione Sociosanitaria territoriale. I Punti di Primo soccorso promessi per il 15 giugno non sono assolutamente  da paragonare a veri e propri Pronto Soccorso, sia per tipo di prestazioni sia perché non è prevista un’apertura H24. Mi chiedo perché l’Azienda USL di Piacenza non abbia ancora  provveduto a creare “percorsi sicuri” per l’accesso ad un vero Pronto Soccorso come accaduto per esempio a Codogno ed in tante altre realtà ospedaliere colpite dal virus. I cittadini castellani non possono e non vogliono  continuamente aspettare. Il pronto soccorso deve essere riaperto ora. Oggi. Le ultime promesse parlano di riaprirlo entro il 15 settembre, un tempo assolutamente inaccettabile se si pensa già  ad una possibile recrudescenza del Covid 19 a partire già dal mese di ottobre.

La domanda allora  sorge spontanea: cosa si farà ? Chiuderemo nuovamente l’Ospedale di Castel San Giovanni ( e Fiorenzuola)  dedicandolo nuovamente ai malati Covid?  Dovremo dimenticarci una volta per tutte il Pronto soccorso castellano che copre un bacino d’utenza di migliaia e migliaia di persone di tutta la vallata?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.