“Siamo i tecnici dell’acqua”, ma i nonnini non ci cascano e chiamano i carabinieri

Falsi tecnici dell’acqua ci hanno provato di nuovo. Nella mattinata del 22 giugno, verso mezzogiorno, a Monticelli d’Ongina e a Fiorenzuola d’Arda, in provincia di Piacenza, hanno tentato, fortunatamente senza successo, di raggirare anziani che in quel momento erano soli in casa.

A Monticelli a chiamare il 112 è stato un vicino della signora, che nel frattempo non aveva comunque fatto entrare in casa lo sconosciuto; a Fiorenzuola d’Arda, invece, l’anziana donna, che viveva sola, ha chiamato subito il figlio che ha allertato immediatamente i Carabinieri. Questi due episodi, andati a vuoto grazie alla prudenza e accortezza delle vittime, è senz’altro ulteriore prova della necessità di diffondere il più possibile le semplici regole di comportamento e i consigli diramati già nei giorni scorsi dal Comando Provinciale dei Carabinieri.

“Si ricorda, inoltre, – evidenzia l’Arma – che i tecnici dipendenti delle società che gestiscono la rete idrica o del gas, non chiedono mai di entrare in casa, non hanno alcun motivo per farlo, anche perché i contatori sono quasi sempre situati all’esterno delle abitazioni. Dunque, in caso di atteggiamento sospetto o di richieste di accesso al domicilio, è sempre meglio allertare subito i Carabinieri o le altre forze dell’ordine”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.