Foti (FdI) “Eliminare il digital divide nei comuni di montagna”

Più informazioni su

“Potrebbe sembrare incredibile, ma così non è, che nel 2020 si contino ben 1200 comuni in Italia nei quali si registrano difficoltà nella ricezione del segnale telefonico”.

Lo denuncia Tommaso Foti, parlamentare piacentino di FdI, in una interrogazione al Ministro Pisano, citando recenti dati dell’Unione nazionale comuni, comunità enti montani. “Il grave deficit di infrastrutture relative alle telecomunicazioni – rimarca l’esponente di Fratelli d’Italia – sia sotto il profilo della ricezione telefonica, così come di quella dei canali televisivi del servizio pubblico, per tacere della indisponibilità della connessione internet a banda larga, si è mostrato nella sua pienezza, se mai ve ne fosse stato bisogno, nel periodo della emergenza sanitaria e dei connessi impedimenti agli spostamenti”.

Per Foti “l’annosa problematica del cosiddetto “digital divide” si evidenzia anche nel territorio piacentino, in particolare nelle sue straordinarie ma estesissime valli. E pensare che sia la legge n. 158 del 2017, sia gli impegni contenuti nelle mozioni approvate dalla Camera dei Deputati nel gennaio 2020, inducevano a pensare che la ritardata diffusione del sistema digitale fosse prossima al superamento”. Per porre fine al perdurante ritardo il deputato piacentino chiede quindi al Governo “una rapida attuazione del Piano nazionale banda larga poiché le nuove esigenze collegate al lavoro a distanza, alle lezioni scolastiche, all’accesso ai servizi della pubblica amministrazione oppure, più semplicemente, il diritto dei cittadini di guardare un film, non sono affatto necessità di secondo piano ma, anzi, sfide attuali da affrontare e vincere al più presto”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.