La serata dialettale a Londra diventa un cd “Grazie a chi tutela le nostre tradizioni” foto

4 luglio festa di Sant’Antonino, Giardini Margherita, proprio di fronte alla statua della fiera popolana Batusa e al busto del suo cantore Valente Faustini: non poteva esserci situazione più indicata per concludere simbolicamente il progetto “Words in…Piasintein” e omaggiare i suoi protagonisti che, un anno fa, hanno portato il dialetto e le tradizioni locali presso la comunità piacentina di Londra.

Nell’ambito del progetto, presentato dal Comune di Piacenza e sostenuto dalla Consulta degli Emiliano-Romagnoli nel Mondo e dall’Associazione Piacenza nel Mondo, nel corso del 2019 una compagnia teatrale appositamente formatasi per l’occasione con attori provenienti da diversi sodalizi piacentini, ha ideato e realizzato, sotto il Big Bang, nei pressi della St. Peter’s Church, una serata/evento dedicata alla comunità piacentina d’oltre Manica. Poesie, letture, interpretazioni, che hanno permesso di riscoprire, come è nello spirito del progetto, la memoria e le tradizioni della nostra terra e trasportarle anche a chi è lontano da casa e dalla sue origini.

La serata ha prodotto un Cd composto da 4 corti – “Un pär fortuna”, “Amur e superstizion”, “La fargäda” e “Un viazz in trenu” – realizzato e montato dal Cineclub Cattivelli, ultima realizzazione dell’indimenticabile Presidente Giuseppe Curallo alla città di Piacenza, che è stato consegnato ai partecipanti al progetto dall’Assessore alle Identità e Tradizioni del Comune di Piacenza, Luca Zandonella, dal Presidente dell’Associazione Piacentini del Mondo, Giovanni Piazza e da Mario Peretti, motore di questa e tante altre iniziative volte a valorizzare le nostre tradizioni e il nostro dialetto.

“Devo ringraziare davvero di cuore tutti voi – ha esordito l’Assessore Zandonella – per lo spirito e l’impegno che mettete ogni giorno nella tutela e promozione della nostra identità, un impegno che come Amministrazione cerchiamo di supportare in ogni modo. Ringrazio la Consulta degli Emiliano-Romagnoli per il contributo al progetto, l’Associazione Piacenza nel Mondo con il Presidente Piazza e, ovviamente, Mario Peretti, che ha saputo coordinare e gestire anche questa splendida iniziativa, che spero si possa ripetere presto anche presso altre comunità piacentine nel mondo”

“Il legame con le nostre comunità piacentine nel Mondo è fondamentale – ha detto Giovanni Piazza – sia per far sentire loro l’affetto di “casa”, sia per diffondere soprattutto verso le nuove generazioni le nostre tradizioni e la cultura piacentina. Purtroppo quest’anno le tragiche vicende che ci hanno colpito non hanno permesso e non permettono i consueti scambi e visite solitamente in programma, ma l’auspicio è di tornare presto a riabbracciarci”.

Mentre venivano consegnati i Cd della serata londinese, Mario Peretti ha potuto ringraziare “tutti i partecipanti a questo fantastico progetto: siete riusciti a unirvi, pur venendo da compagnie differenti, nel nome dell’arte e della piacentinità. E’ stato molto bello e appagante. Ringrazio la Consulta, Giovanni Piazza, l’Amministrazione comunale e l’Assessore Zandonella che con la sua giovane età non manca di dimostrare il suo grande attaccamento a Piacenza e alle sue tradizioni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.