Murelli (Lega) “Il Governo ha bocciato il sindaco di Piacenza commissario per l’ospedale”

Più informazioni su

«Un Governo che si è dimenticato di Piacenza e che ha ritenuto inutile il sindaco come commissario per il futuro ospedale. Prima, il Governo aveva dato una speranza accantonando il mio emendamento, ma oggi lo ha bocciato, infischiandosene della ripresa di una città e di una regione che hanno patito tanti lutti per il coronavirus».

E’ arrabbiata Elena Murelli, deputata piacentina della Lega, che si è vista respingere l’emendamento presentato il 16 giugno, nel Decreto Rilancio. «Con il sindaco-commissario – continua Murelli – avremmo adottato il modello Genova per la ricostruzione del ponte, con tempi ridotti e burocrazia al minimo. Una scelta che era stata ben accolta anche dalla Regione Emilia Romagna. La maggioranza, invece, blatera di semplificazione e litiga tutti i giorni consegnando così l’opera alla più bieca burocrazia». Murelli non demorde: «Visto che non si è voluto approvare un emendamento che non era solo della Lega, ma del territorio piacentino, spero che nel decreto Semplificazione verranno inserite quelle deroghe che ci permetteranno di costruire in breve tempo il nostro ospedale. Anche lì darò battaglia e ripresenterò l’emendamento se necessario e, se andrà al Senato, chiederò l’appoggio dei nostri senatori».

La deputata leghista conclude: «Non vorrei che chi sta al Governo si fosse fatto affascinare dalle parole del nuovo presidente Anac, Francesco Merloni, che ritiene pericoloso affidarsi ai commissari per evitare illegalità. Siamo alle solite. Si pensa in anticipo che gli italiani siano tutti delinquenti, mentre nessuno dice di punire subito e con severità chi sbaglia. E per fortuna che Merloni ha parlato di pubblica amministrazione incapace e di necessità di forte semplificazione…».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.