“Nuovo asilo di Borgotrebbia sia simbolo di rinascita post Covid”

“Nuovo asilo di Borgotrebbia sia simbolo di rinascita post Covid”. E’ la proposta che l’opposizione fa all’amministrazione Barbieri.

Alla realizzazione di quest’opera – ricordiamo che la struttura è chiusa da 3 anni per problemi strutturali – potrebbero essere utilizzati parte dei fondi che il presidente della Regione Stefano Bonaccini ha promesso a Piacenza. “Pensiamo possa essere un’opera che non solo disegna il futuro di Piacenza, ma che sostiene anche il mondo dell’infanzia e aiuta le famiglie in questa ripresa difficile dopo il Covid – spiega Massimo Trespidi, capogruppo di Liberi -, ricordando che siamo città Unicef, il che significa che abbiamo a cuore i nostri bambini”.

“L’area su cui costruire l’asilo potrebbe essere già di proprietà del Comune di Piacenza, in via Trebbia, tra l’ex galoppatoio e il parco giochi. E’ un’area di 10 mila – 11 mila metri quadrati, e può ospitare un asilo nuovo, realizzato con tutte le nuove indicazioni previste dalla pandemia. Finalmente affronta e chide un problema in un’area della città, come Borgotrebbia che sta vivendo una forte espansione, urbanistica e demografica, e potrebbe ospitare bambini provenienti anche da altre parti della città”.

Alla conferenza stampa erano presenti Mauro Monti (Liberi), Andrea Pugni (M5s) e Samuele Raggi (Piacenza del Futuro).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.