Quantcast

Il nuovo comandante provinciale dei carabinieri Abrate: “Ora guadagnare la fiducia”

Più informazioni su

Si presenta il nuovo comandante provinciale dei Carabinieri di Piacenza, il colonnello Paolo Abrate arrivato lunedì 27 luglio alla caserma Biselli, dove ha preso possesso del suo nuovo incarico.

Nella mattinata odierna il colonnello ha incontrato la stampa. “Il nostro sguardo è rivolto al futuro, alla cittadinanza e alle istituzioni, il nostro massimo impegno sarà per garantire la sicurezza. Il mio obiettivo personale è quello di guadagnare la fiducia, come avvenuto in tutti i luoghi in cui sono andato. Dedicherò ogni mia forza ed energia alla tutela dei cittadini di Piacenza” – sono state le sue prime parole.

“La fiducia si ottiene conoscendo – ha proseguito – il nostro impegno sdarà quello di rimanere sul territorio per una vicina ed empatica assistenza ai cittadini che hanno bisogno. Ho cominciato ieri andando a presentarmi alle varie istituzioni di Piacenza, a partire dal sindaco e dall’autorità giudiziaria, credo sia fondamentale la collaborazione con il prefetto, con la magistratura, con tutte le istituzioni e se pensiamo all’emergenza Covid anche cone le autorità sanitarie”.

E in riferimento all’inchiesta sui carabinieri della caserma Levante che ha investito l’Arma piacentina, ha detto: “La bufera è stata una cosa che ci ha colpito molto nel nostro cuore e nella nostra intimità, siamo un’istituzione che dedica tanto della propria individualità al servizio della cittadinanza, ed è una cosa che ci ha segnato molto. Mi sento onorato di essere qui a Piacenza, di poter portare questa divisa nella città e nella provincia; non è semplice ma lo faccio con orgoglio perchè so quanto i miei carabinieri si impegnano ed è giusto affrontare a testa alta la quotidianità”. “Per quanto riguarda gli arresti, – ha specificato il colonnello Abrate – sono disciplinati dal codice di procedura penale, quando uno viola il codice va arrestato. Io chiederò ai miei carabinieri la massima aderenza al dettato normativo, non sono uno che guarda alla statistica, ma chiederò interventi adeguati”.

L’ufficiale si era subito recato ieri al palazzo di giustizia per incontrare, per un saluto, il presidente del Tribunale e anche il capo della procura della Repubblica Grazia Pradella, che sta coordinando le indagini sull’operazione che ha portato all’arresto di sei carabinieri e al sequestro della caserma Levante.

comando carabinieri Abrate

Il colonnello Abrate proviene dal gruppo carabinieri di Milano e insieme a lui a erano presenti anche gli altri nuovi ufficiali arrivati a Piacenza: il tenente colonnello Alfredo Beveroni, Comandante del Reparto Operativo e il maggiore Lorenzo Provenzano, comandante del Nucleo Investigativo, il nuovo comandante della Compagnia di Piacenza Giancarmine Carusone.

Il curriculum del colonnello Paolo Abrate – Il Colonnello Paolo ABRATE è nato a Bressanone (BZ) il 10 maggio 1975. È sposato e ha due figli, di 7 e 2 anni. Ha frequentato il 176° Corso dell’Accademia Militare di Modena (1994-1996) e quello di Applicazione presso la Scuola Ufficiali dell’Arma dei Carabinieri di Roma (1996-1999). Si è laureato in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” (1999). Ha conseguito il titolo “I.S.S.M.I.” (Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze) presso il Centro Alti Studi della Difesa di Roma (2014-2015).

Ha ricoperto, tra gli altri, i seguenti incarichi: Comandante della Compagnia CC di Scalea (CS), dal 2002 al 2005; Comandante della Compagnia CC di Venezia, dal 2005 al 2007; Addetto al Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri (Uffici Operazioni, Legislazione e Cooperazione Internazionale), dal 2007 al 2017; Addetto al Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri di Roma, nel 2017; Comandante del Gruppo CC di Milano, dal 2017 al 2020; Rappresentante dell’Arma dei Carabinieri in seno all’”Unità di Crisi COVID-19” della Regione Lombardia, da febbraio a luglio 2020.È insignito delle seguenti onorificenze e decorazioni: Croce d’Oro per anzianità di servizio militare; Medaglia Militare di Bronzo al merito di lungo comando. Dal 27 luglio 2020 è Comandante Provinciale dei Carabinieri di Piacenza.

Aimi (FI): “Auguri di buon lavoro al nuovo comandante provinciale dei Carabinieri di Piacenza e ai suoi uomini” – “I miei migliori auguri di buon lavoro al nuovo comandante provinciale dei Carabinieri di Piacenza, Colonnello Paolo Abrate, e ai Suoi uomini che assumono certamente un impegno gravoso alla luce dei recenti e tristi fatti legati al sequestro della caserma Levante. Sono certo che ogni sua azione sarà improntata alla tutela della comunità piacentina e volta a far riguadagnare quella fiducia nelle Istituzioni che, oggi più che mai, è indispensabile. L’Onore all’Arma dei Carabinieri non può essere scalfito da questioni giudiziarie che riguardano singoli e non l’Istituzione, che merita invece sempre rispetto e incondizionata stima”. Così in una nota Enrico Aimi, senatore per Forza Italia – Capogruppo Commissione Affari Esteri a Palazzo Madama.

Carabinieri arrestati, Salvini (Lega) “Il comandante di Piacenza scelto dalla Ministra De Micheli” – “Fino all’autunno 2019 è stato comandante provinciale dei carabinieri di Piacenza, incarico che il comandante Michele Piras aveva lasciato dopo un anno per entrare nella segreteria dell’attuale ministro Paola De Micheli. Gli illeciti contestati a Piacenza risalgono addirittura al 2017: visto che i suoi alleati grillini tacciono, ci aspettiamo parole chiare da parte del ministro De Micheli”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.