Quantcast

“Studenti disabili, dalla Regione più risorse per l’inclusione sociale post-covid”

Più informazioni su

«L’emergenza Covid sta mettendo in crisi un intero sistema scolastico; figuriamoci che impatto potrà avere su chi è disabile. E proprio per questo è nostro preciso dovere fare tutto il possibile fin da ora per eliminare ostacoli e differenze, sia nella scuola pubblica sia in quella privata, in modo da consentire a tutti i giovani di vivere pienamente, senza limitazioni e senza distinzioni la loro vita di studenti nonostante questo periodo confuso e complicato».

La consigliera regionale piacentina del Pd Katia Tarasconi è tra i firmatari di un ordine del giorno approvato oggi (28 luglio) in Assemblea legislativa a Bologna e mirato a portare l’attenzione sul tema dell’inclusione scolastica in un periodo particolarmente delicato soprattutto per il mondo della scuola, con il rischio di nuovi contagi e la necessità di evitarli. In un contesto del genere, sottolinea la consigliera regionale, «è necessario organizzarsi sin da ora per fare in modo che in futuro tutti gli studenti possano svolgere le attività scolastiche nel miglior modo possibile». Tema importante, quello legato al mondo delle disabilità, che solo in Emilia-Romagna coinvolge quasi mezzo milione di persone.

L’obiettivo è in campo un piano per la disabilità, dunque, rafforzando le risorse regionali e la collaborazione tra territori, i distretti socio-sanitari e tutti i livelli istituzionali. «Con questo atto politico – afferma Tarasconi con tutti i firmatari dell’ordine del giorno – ribadiamo con forza l’impegno fondamentale per l’inclusione scolastica della nostra Regione con l’intento di avviare prima una fase istruttoria di analisi e valutazione dei bisogni delle persone con disabilità e poi redigere un piano ad hoc in collaborazione con tutti i soggetti interessati».

L’aumento costante negli ultimi anni dei bambini e dei ragazzi con disabilità e l’emergenza Covid hanno fatto emergere alcune aree di grande criticità – aggiungono gli esponenti della maggioranza – consegnandoci la responsabilità di una rinnovata attenzione e analisi del sostegno alla disabilità nel dopo emergenza». E proseguono: «Non possano essere messi in discussione la libertà di scelta delle famiglie e il diritto di ogni alunno con disabilità a trovare, in qualunque contesto, sia nelle scuole pubbliche che nelle scuole paritarie, strategie educative e didattiche finalizzate allo sviluppo delle proprie potenzialità. La Regione, che già finanzia un fondo regionale disabili e una serie di interventi per sostenere i giovani con disabilità, intende rafforzare ancor di più il suo impegno, analizzando, ridefinendo, innovando e adeguando i propri strumenti per rispondere tanto alle fragilità preesistenti quanto ai nuovi bisogni emersi, per non lasciare indietro nessuno».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.