Tagliaferri (FdI) “Perchè non sono ancora ripartite le attività in ospedale delle associazioni di volontariato?”

“Perché non sono ancora ripartite le attività delle tantissime associazioni di volontariato nelle corsie degli ospedali emiliano-romagnoli?” Lo chiede il consigliere regionale piacentino Giancarlo Tagliaferri (Fratelli d’Italia) in una specifica interrogazione in cui ricorda come “il sostegno di queste associazioni ai pazienti e ai loro parenti ha un ruolo sociale fortissimo, per questo l’assenza del loro operato si sta sentendo notevolmente”.

“I settori ospedalieri nei quali si sviluppano le numerose attività delle associazioni di volontariato nelle corsie dei nostri ospedali sono molteplici – spiega Tagliaferri -: si va infatti dall’assistenza nei reparti per adulti (particolarmente meritoria l’assistenza psicologica e materiale agli anziani soli nei casi di lungodegenza) per arrivare ai tanti progetti riferiti ai piccoli pazienti e alle loro famiglie nei reparti di pediatria. Da segnalare infine – scrive ancora – l’attività di accoglienza e di accompagnamento personale degli utenti in condizioni di disagio, di orientamento nei confronti di coloro che accedono ai servizi ospedalieri attraverso la gestione delle informazioni, anche presso alcuni pronto soccorso della nostra regione”.

“A fronte di queste attività che tanta parte hanno nel caratterizzare e qualificare ulteriormente la sanità ospedaliera del territorio – rileva il consigliere -, a tutt’oggi non esistono ancora indicazioni di alcun tipo affinché queste associazioni possano tornare operative nei reparti, nonostante in molte di queste i volontari si sono sottoposti tutti al test sierologico per la ricerca del virus Covid, avendo anche acquistato tutti i dispositivi di protezione individuale necessari, oltre ad aver eseguito tutti la formazione specifica sulla protezione dal coronavirus e tutto a spese delle associazioni medesime”.

“Alla luce della situazione attuale – dichiara Tagliaferri – interrogo la Giunta sui motivi ostativi del riavvio delle attività di volontariato nei vari reparti ospedalieri e contestualmente chiedo sia l’elenco di tutte le associazioni che non possono riprendere la propria attività per l’assenza di specifici protocolli sia una data di massima per ripristinare l’azione di volontariato di queste fondamentali associazioni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.