Quantcast

Tanti auguri zia Elvira, la super volontaria di Croce Rossa Piacenza compie 80 anni foto

Sono state 80 le candeline che Elvira Trotti ha spento lo scorso 17 luglio.

Volontaria di Croce Rossa da quasi vent’anni, instancabile e inaffaticabile, sempre con il sorriso e quel ciuffo rosso di capelli è un punto di riferimento per tantissimi volontari e anche per i dipendenti della sede di Croce Rossa di viale Malta. Per loro lei è zia Elvira. Un modo affettuoso per chiamarla, per dimostrarle un’amicizia incondizionata e sincera. La sua parola è sempre tenuta altamente in considerazione, in virtù dei quasi vent’anni vissuti quasi quotidianamente all’interno dell’associazione piacentina.

Così la sera di giovedì 23 luglio un gruppo di volontari della CRI piacentina ha fortemente voluto organizzare una pizzata nell’ampia corte esterna del ristorante Canova di Guardamiglio e regalarle un album fotografico ricordo. Un evento che, per motivi legati alla situazione sanitaria da Covid19, si è tenuto con accesso contingentato e a numero chiuso. Ciò nonostante Elvira, all’oscuro di questa conviviale, una volta varcata la soglia della location è stata accolta da un lungo applauso e da un simpatico coretto di auguri.

Elvira Trotti (Croce Rossa)

“Una sorpresa davvero piacevole che mi ha commosso – dice Elvira – Devo ringraziare per questa bellissima pizzata il mio presidente Alessandro Guidotti e il mio coordinatore Michele Gorrini, così come tutti gli amici e colleghi qui presenti e quelli che mi stanno mandando messaggi di auguri. Ammetto sinceramente che non me lo aspettavo, un gesto che mi scalda il cuore e che ricambio con sincera amicizia. Non nascondo di essermi trovata spiazzata davanti a questa manifestazione d’affetto”.

Elvira Trotti è una colonna portante della Croce Rossa Piacentina: ancora oggi prosegue con i turni sulle auto ambulanze, sia in orario diurno che notturno, e si dedica al trasporto dei malati e degli infermi, così come non ha mai fatto venir meno la sua presenza neppure durante il periodo più buio del lockdown, sempre al servizio della comunità piacentina, portando con orgoglio la divisa della Croce Rossa Italiana. “Penso di esserci portata, senza peccare di presunzione – spiega – e poi la motivazione è sempre grande, grazie anche a tanti giovani e alle persone che con grande forza di volontà scelgono di imparare e di mettersi in gioco. Per me essere socia di Croce Rossa vuol dire mettere a disposizione parte del mio tempo libero per tutte quelle persone che hanno bisogno in quel momento, dal paziente che sta male a quello che necessita di un servizio socio assistenziale, oppure anche per quei momenti più spensierati come tutte quelle iniziative collaterali volte a regalare momenti di gioia ai bambini, come ad esempio Babbo Natale CRI sino alle simulazioni, lavorando in sinergia con il gruppo truccatori e formatori”.

Elvira Trotti (Croce Rossa)

Tanti ricordi e tanti gli interventi che hanno visto Elvira Trotti scendere in campo. “Dal terremoto in centro Italia, a quelli in Emilia, gli eventi alluvionali, fino all’ultima emergenza causata dalla pandemia di coronavirus, ma anche tante le situazioni di ordinaria amministrazione e gli interventi che conservo come ricordi preziosi nel mio cuore, così come un pensiero dolce agli amici che non ci sono più. Mi auguro di avere ancora tanto da poter dare a Croce Rossa e alla mia comunità”.

Anche dalla redazione di PiacenzaSera va il nostro migliore augurio di buon compleanno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.