Quantcast

Travo, con il quartetto Musica da Ripostiglio al via Summertime in Jazz

Stasera – domenica 19 luglio alle 21.30 – la piazza principale del comune di Travo (Piacenza) vedrà l’inaugurazione della settima edizione di Summertime in Jazz.

A salire sul palco sarà il quartetto Musica da Ripostiglio, perché, come loro stessi amano affermare con una battuta irriverente, “da camera ci sembrava eccessivo”. Loro sono in quattro e danno spettacolo, facendo divertire il pubblico con un repertorio a metà strada tra lo scanzonato e l’impegnato, tra l’inedito e il citato. Il gruppo nasce dal ventennale sodalizio artistico di Luca Pirozzi (chitarra, banjo e voce) con Luca Giacomelli (chitarre e cori), a cui si sono aggiunti successivamente Raffaele Toninelli (contrabbasso) ed Emanuele Pellegrini (batteria).

Direttamente dalla loro terra d’origine, la Maremma, l’orchestrina da Ripostiglio propone un viaggio musicale nel tempo e nello spazio: atmosfere rétro, dallo swing di inizio secolo alla musica gitana, fino al tango e al bolero. Hanno all’attivo cinque lavori discografici, dall’esordio con “Artisti”, storia semiseria della mestiere del musicista, fino al recente “Zan Zarà” e un’intensissima attività live, anche come orchestra residente di importanti produzioni teatrali (“A ruota libera” di Giovanni Veronesi, “Servo per due” di Pierfrancesco Favino, “Signori in carrozza” di Paolo Sassanelli, “Napoletana” di Mariangela D’Abbraccio…). Le atmosfere di quelle che sono vere e proprie performance d’improvvisazione, dove la musica è interpretata e non semplicemente suonata, sono di gusto decisamente retrò (primi del Novecento): influenze gitane, francesi, fino al syrtaki, al tango e al valzer, il tutto completato da testi originali, irriverenti e graffianti. Ironici e scanzonati, brillanti e sperimentatori, per Summertime in Jazz proporranno uno spettacolo godibilissimo, a metà strada tra il concerto e il cabaret musicale.

Lunedì 20 luglio alle 21:30, Summertime in Jazz proseguirà con un concerto all’Antica Pieve di Vernasca (Piacenza). In scena, nella suggestiva location, ci sarà il trio Ghimel, che vede insieme il bandoneonista Daniele di Bonaventura, Elias Nardi all’oud (antico strumento della famiglia dei liuti) e Ares Tavolazzi al basso elettrico e contrabbasso.

INFO E PREZZI – “Questi concerti – informano gli organizzatori -, come tutti quelli della rassegna, fortemente voluta dai Comuni delle valli Trebbia e Arda, dove si dipana, e dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano che la sostiene, soprattutto dopo le restrizioni dei giorni scorsi, sono a ingresso libero. Tutte le info in tempo reale su www.summertimejazz.it oppure sui social, la pagina www.facebook/piacenzajazzfest, il profilo Twitter www.twitter/pcjazzclub attraverso l’hashtag #SummertimeInJazz o su Instagram con il profilo del Piacenza Jazz Club”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.