Travolge una moto e si dà alla fuga, “tradito” dalle telecamere di sorveglianza rischia fino a 3 anni di reclusione

Travolge una moto e invece di fermarsi e prestare soccorso si dà alla fuga.

Come riporta il Comune di Piacenza, l’incidente stradale, avvenuto nei giorni scorsi in piazzale Roma, ha visto coinvolti un motociclo e un’autovettura che, omettendo di dare la precedenza, ha investito il mezzo a due ruote. Dopo la collisione il conducente della moto è caduto a terra riportando lievi lesioni, mentre l’auto, pur danneggiata, si è allontanata a forte velocità lungo via Colombo.

Grazie a un testimone che ha rilevato parzialmente la targa del veicolo investitore e alle telecamere di videosorveglianza dislocate in zona, gli agenti della Polizia Locale di Piacenza sono riusciti a individuare rapidamente il proprietario, e conducente del veicolo, un 45enne residente a Fidenza. I carabinieri di Fidenza, subito allertati, si sono recati presso la sua abitazione e hanno rinvenuto l’auto, corrispondente alla targa segnalata, con danni compatibili con l’incidente avvenuto poche ore prima a Piacenza. Il conducente è stato quindi denunciato per il reato di fuga a seguito di incidente stradale e omissione di soccorso, e sanzionato per mancata precedenza alla rotatoria. La patente gli è stata ritirata. L’uomo rischia una condanna penale fino a tre anni di reclusione e la sospensione della patente da 1 a 3 anni.

“Voglio innanzitutto ringraziare gli agenti della Polizia Locale e i Carabinieri di Fidenza per il preciso e tempestivo lavoro di indagine svolto – afferma l’assessore alla Sicurezza urbana, Luca Zandonella -, a conferma dell’impegno e della professionalità che ne caratterizzano la quotidiana attività. Ancora una volta la nostra Polizia Locale si distingue in positivo per l’opera che svolge ogni giorno a favore dell’intera collettività cittadina. Nell’occasione, a giocare un ruolo fondamentale per l’individuazione del responsabile dell’incidente, sono stati la testimonianza di un cittadino – che ringrazio per il senso civico dimostrato – e il sistema di telecamere di videosorveglianza attivato dall’Amministrazione comunale, che ha garantito il necessario supporto tecnologico per l’identificazione dell’autore del reato”.

“L’episodio dimostra, ancora una volta – conclude l’assessore -, l’importanza di investire risorse nella videosorveglianza, più telecamere sul territorio infatti consentono di risalire più facilmente ai responsabili dei fatti delittuosi, di varia natura, che purtroppo hanno luogo nella nostra città”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.