Quantcast

“Con il covid emergenza debiti: a Piacenza oltre 150 richieste d’aiuto”

Più informazioni su

“Con il covid una nuova emergenza si sta affacciando: i debiti”.

A lanciare l’allarme il Gap Piacenza (Gruppo di acquisto popolare) che riferisce di come “in queste settimane stiamo registrando un preoccupante inasprimento degli interventi da parte di banche e finanziarie verso persone e famiglie che, indebitatesi precedentemente, sono ora in grande difficoltà a rispettare tempi e modalità nell’estinzione di finanziamenti e mutui”.

“Una accelerazione questa – spiega la rete di mutuo soccorso – dovuta anche alla scelta di molte banche ed istituti finanziari di cedere ad altre società finanziare (specializzate in recupero crediti) i loro NPL (sigla che sta a significare “crediti deteriorati o inesigibili”) che, rilevando questi crediti a prezzi molto convenienti, lucrano poi sulla loro esigibilità verso le famiglie debitrici. Ad oggi siamo entrati in contatto con più di 150 casi, distribuiti su tutto il territorio piacentino. Colpite sono soprattutto famiglie del capoluogo e dei centri più grandi (Fiorenzuola, Pontenure, Castel San Giovanni) ma registriamo casi in tutta la provincia, nella bassa, nelle valli Trebbia, Tidone, Nure, d’Arda) e perfino nei comuni più piccoli (Coli, Corte Brugnatella, San Giorgio, Pianello VT, Gazzola, Rottofreno, Alseno, Bettola, Lugagnano)”.

In tutto sono almeno 30 le località coinvolte, ma pensiamo purtroppo che i casi siano molti di più di quelli da noi rilevati. Per questo motivo, come GAP e distretto di mutuo soccorso, abbiamo organizzato una risposta per offrire un supporto mirato a contrastare questa offensiva da parte di alcune banche e finanziarie e ad aiutare le famiglie a gestire questa emergenza, sia con consulenze gratuite che con la messa a disposizione di professionisti specializzati (legali, consulenti finanziari, esperti in ristrutturazione del debito) che le aiutino a gestire le trattative e a individuare percorsi ed accordi sostenibili di uscita dalla condizione debitoria”.

“Invitiamo quindi chi si trovasse in queste condizioni – esorta il gruppo – a contattare il GAP di Piacenza all’indirizzo gap.piacenza.e.provincia@gmail.com. Le persone interessate verranno subito messe in contatto con i nostri consulenti (legali ed esperti) per avviare un’analisi delle loro problematiche finanziarie e debitorie ed indicare loro le modalità possibili e sostenibili per affrontarle e risolverle”.

LE ATTIVITA’ DEL GAP PIACENZA – “Come GAP (gruppo di acquisto popolare) – spiegano i responsabili -, aderente alla più ampia rete del “Distretto di mutuo soccorso”, abbiamo avviato da ormai 6 anni sul territorio piacentino pratiche di mutualismo e solidarietà dal basso con l’obiettivo di promuovere pratiche di resistenza alla crisi che si sono via via concretizzate in esperienze quali la spesa popolare con la distribuzione di prodotti a prezzi calmierati; l’accesso a cure mediche (odontoiatria e psicoterapia) per chi, a causa dei prezzi di mercato o difficoltà di accesso alla risposta pubblica, denuncia problemi a curarsi; l’organizzazione di corsi di ripetizione scolastica; l’assistenza legale; vacanze per famiglie in località convenzionate che hanno aderito al progetto di mutualismo”.

“In piena emergenza Covid (ma già da prima) – continuano – abbiamo anche organizzato distribuzione gratuita di forniture alimentari, giocattoli, vestiario. Iniziativa questa che continua ancora, grazie anche alla collaborazione con Emergency con la quale stiamo allestendo un punto di riferimento per lo stoccaggio ed il ritiro delle forniture alimentari, vestiario ecc, nei locali di via Tortona a Piacenza”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.