Simone Cristicchi e Davide Van De Sfroos in concerto a Travo

Nonostante un periodo molto complicato torna la grande musica italiana in Val Trebbia grazie alla rinnovata collaborazione tra l’Amministrazione Comunale di Travo e la Cooperativa Fedro.

Si terrà nell’incantevole Parco Neolitico di Travo (Piacenza) una due giorni all’insegna della musica cantautorale italiana di grande qualità. Ad animare la prima serata sarà un cantautore che ha sempre seguito una linea musico/culturale ben definita senza mai scivolare nel commerciale, Simone Cristicchi, che si esibirà in trio acustico nell’ambito del suo mini tour “Abbi cura di me tour 2020”. Il concerto è in programma venerdì 14 agosto, alle ore 21 e 30, l’ingresso è di 20 euro.

Vincitore del “Cilindro d’argento” al Festival “Una casa per Rino” di Crotone, dedicato a Rino Gaetano, Cristicchi arriva al successo di pubblico nel 2005 con “Vorrei cantare come Biagio”, brano tormentone in cui Simone dichiara di voler assomigliare a Biagio Antonacci (denunciando le difficoltà di un artista nel mantenere la propria individualità nella ricerca del successo). Nel 2007 vince il Festival di Sanremo con “Ti regalerò una rosa”, il cui testo è ispirato ai mesi passati come volontario tra i malati di mente. Il brano vince, tra l’altro, il Premio della Sala Stampa Radio-Tv e il premio della critica intitolato a Mia Martini. Nel 2018 Cristicchi partecipa alla quarta serata del 68º Festival di Sanremo in qualità di ospite per il duetto con Fabrizio Moro ed Ermal Meta del brano “Non mi avete fatto niente” che vincerà il Festival la sera successiva.

A chiudere la due giorni un graditissimo ritorno Davide Van De Sfroos, reduce da un pieno di sold out nel tour teatrale “Quanti Nocc”, dal quale l’artista prenderà spunto per riproporci tutti i suoi successi nella sua tappa piacentina del “Re Tour 2020 “. Il concerto si terrà domenica 16 agosto, alle ore 21 e 30. L’ingresso è di 20 euro.

Davide Van De Sfroos, nome d’arte di Davide Bernasconi, è un cantautore e scrittore con quasi vent’anni di carriera musicale, noto per le sue canzoni in dialetto “tremezzino” – detto anche laghée – diffuso sulle sponde del Lago di Como. Dal suo oramai lontano debutto ha pubblicato sei album di inediti, vinto due volte il Premio Tenco, la prima nel 1999 come Miglior autore emergente e la seconda nel 2002 come Miglior album in dialetto, e al contempo ha pubblicato cinque romanzi editi da La Nave di Teseo e Bompiani. Riconosciuto come autore e scrittore, Van De Sfroos partecipa nel 2010 alla 61a edizione del Festival di Sanremo con Yanez, brano che si classificò quarto e che diede il nome al suo quinto album in studio certificato disco d’oro, e qualche anno dopo come autore regalando ad Irene Fornaciari il brano scritto di suo pugno, Grande Mistero. Nel 2015 è uscito l’album Synfuniia (Batoc67/Universal Music), contenente 14 brani storici già editi da Van De Sfroos ma riadattati da Vito Lo Re per la Bulgarian National Radio Simphony Orchestra.

I biglietti si potranno acquistare la sera stessa del concerto presso la biglietteria del Parco Archeologico dalle ore 19.30. La prenotazione dei biglietti potrà essere effettuata anche via web attraverso la piattaforma www.botteghinoweb.com – oppure attraverso le rivendite locali pubblicate sul sito www.festivaldalmississippialpo.com.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.