A Bobbio va in scena la storia dell’arte con il libro del piacentino Jacopo Veneziani foto

Più informazioni su

Nel pomeriggio di domenica 30 agosto il piacentino Jacopo Veneziani, su invito di Giorgia Ragaglia, assessore alla Pubblica Istruzione e alle Politiche Giovanili del Comune di Bobbio, ha presentato il suo primo libro nella suggestiva cornice del Castello Malaspina Dal Verme dove ha incantato il pubblico bobbiese con i suoi racconti che cominciano dai dettagli che ogni opera nasconde e passano inosservati agli occhi degli osservatori più superficiali.

Jacopo Veneziani, nativo di Lugagnano e ora dottorando in Storia dell’Arte all’Università Sorbona di Parigi – dove insegna anche storia dell’arte moderna agli studenti della laurea triennale -, dopo il diploma al Liceo linguistico Melchiorre Gioia di Piacenza e aver conseguito la laurea in Storia dell’Arte proprio all’Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne di Parigi, inizia a fare divulgazione sui social network, anzitutto utilizzando Twitter per condividere opere d’arte poco note ai più, con quasi 30mila follower che seguono il suo profilo. Ha inoltre creato “ Con parole vostre”, un podcast dove lascia raccontare la storia dell’arte ai suoi ascoltatori, e – recentemente – ha aperto il canale YouTube “Frame of words”.

Ne scaturisce la volontà di scrivere un libro edito da Mondadori Electa, Rizzoli Illustrati, dal titolo #DIVULGO – Le storie della storia dell’arte. Un viaggio dentro le storie nascoste nella pittura: un libro di storia dell’arte pensato per un ampio pubblico di lettori. Così, nel pomeriggio di domenica 30 agosto, Veneziani ha intrattenuto la platea presente al Castello Malaspina Dal Verme, e il pubblico, dal canto suo, ha piacevolmente inteso scambiare qualche riflessione con l’autore e, al termine della presentazione, le persone non hanno mancato di farsi autografare una copia del volume.

Il Comune di Bobbio, oltre a ringraziare Veneziani per la sua cortese disponibilità, coglie l’occasione per ringraziare tutti i volontari che permettono di tenere aperto il Castello Malaspina Dal Verme 6 giorni a settimana, rendendolo così una delle mete più apprezzate dai turisti che giungono in Val Trebbia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.