Quantcast

“Agricoltore attaccato da due lupi a Baselica”

“Non è passata un’intera giornata, da quando Confagricoltura Piacenza è tornata sul tema della fauna selvatica plaudendo alla richiesta dell’assessore Mammi per un piano nazionale che trovi soluzioni per il monitoraggio dei lupi e il contenimento delle specie fossorie, che nei campi di Baselica nei presi di Fiorenzuola si è verificato un attacco da parte di due canidi su un operatore, che stava cambiando una gomma a un trattore.”

Lo scrive in una nota la stessa Confagricoltura. “Che prima o poi sarebbe successo lo si sapeva – commenta il presidente di Confagricoltura Piacenza Filippo Gasparini – e non entriamo nel merito se siano stati cani rinselvatichiti, lupi “confidenti” o lupi solitari, sta di fatto che la fauna selvatica è, da anni, priva di un controllo efficace. Non mi dilungo a ripetere quanto espresso ieri, non sto neppure a fare l’ormai annoso elenco di capi sbranati dai lupi, colture rovinate dai cinghiali, incidenti stradali con caprioli, argini devastati da tassi e nutrie. Questa non è tutela né dell’ambiente né tutela della fauna”.

“Sino a quando si trattava di scarificare le nostre imprese e le nostre colture in nome di una presunta biodiversità i più hanno fatto spallucce, come se la produzione di cibo e la preservazione delle nostre attività fossero tranquillamente negoziabili. Ora si tratta dell’incolumità delle persone. Gli agricoltori e gli operatori della filiera lavorano sempre più soli nei campi, soprattutto nelle ore notturne, e a causa del proliferare della fauna selvatica corrono seri pericoli. Nella mancanza di assunzione di responsabilità, sino ad oggi, abbiamo letto un disinteresse, quando non un’avversione, nei confronti degli agricoltori scioccamente visti come estranei all’ambiente rurale di cui sono invece parte fondamentale. Ora si dica, se in questo Paese, vale più la vita del cinghiale, della nutria e del lupo o la nostra”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.