Anche a Cadeo riparte la scuola. Il sindaco Bricconi “Sicurezza ed entusiasmo”

Più informazioni su

Al via il nuovo anno scolastico anche nel comune di Cadeo (Piacenza) che ha visto far ritorno tra i banchi gli studenti delle scuole d’infanzia, primaria e secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo.

Un inizio accompagnato da trepidazione e timori, come spiega il sindaco Marco Bricconi: “L’emergenza sanitaria e le rigide linee guida hanno instillato la paura che la scuola ripartisse snaturata nel suo valore educativo e asettica, ma appena mi sono ritrovato tra gli studenti non ho solo visto l’organizzazione degli ingressi scaglionati, le mascherine al volto e i gel igienizzanti ma soprattutto l’entusiasmo dei ragazzi nel rincontrarsi, il loro vociare, l’emozione dei remigini e di tante mamme e papà”.

Roveleto ha così salutato il riavvio delle attività scolastiche con le emozioni che accompagnano il primo giorno da sempre, ma anche con una precisa organizzazione dei vari servizi che vede protagonista l’Amministrazione Comunale. “Il nostro servizio di trasporto scolastico ha garantito il suo servizio fin dal primo giorno. In via sperimentale viene fatto un unico giro per gli studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado, con arrivo nei pressi della scuola alle ore 8.10 circa – racconta il sindaco – Lo scuolabus risponde al protocollo previsto: utilizzo capienza all’ 80 per cento, posti nominativi e controllo della temperatura a bordo, e uso della mascherina”.

“La mensa scolastica sarà avviata il 5 ottobre 2020, realizzata all’interno della tensostruttura sul piazzale delle feste (area piazzale Ghizzoni) – prosegue il primo cittadino – attualmente interessata da lavori di riqualificazione progettati e pianificati nei mesi scorsi, frutto di una progettazione condivisa con Ausl, riguardo a idoneità dell’ambiente mensa e della cucina. Gli interventi in opera riguardano una nuova pavimentazione lavabile in linoleum, l’aggiunta di due stufe a torre e il rifacimento di bagni e cucina”. L’area sarà utilizzata fino a quando sarà pronta la nuova mensa in costruzione all’interno della nuova scuola media nascente. “L’emergenza Covid non solo ha arrestato il cantiere a lungo ma con le sue disposizioni ne ha rallentato l’iter costruttivo”, sottolinea Bricconi.

Dei servizi pedibus e pre-scuola, essenziali per tante famiglie, parla il vicesindaco Marica Toma: “Attualmente il servizio è sospeso in attesa di monitorare la situazione delle prime settimane di frequenza scolastica. Sono comunque già stati individuati volontari per attivare almeno una linea pedibus. Anche il pre-scuola è temporaneamente sospeso: siamo in attesa che la Regione pubblichi le linee guida che regolamenteranno il servizio. Appena possibile daremo chiare risposte in merito a questo servizio, consapevoli di quanto sia prezioso ed essenziale per tante famiglie”.

“Mi auguro che sia un anno arricchente e sereno ma soprattutto vissuto all’insegna del senso civico e di responsabilità – conclude il sindaco-. Dobbiamo guardare alla realtà con fiducia ma con altrettanta concretezza: il virus circola tra noi ma il rispetto delle disposizioni vigenti da parte di tutti può fare davvero la differenza”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.