Quantcast

La Regione “scommette” su Piacenza Expo “Presto capitale sociale al 4-5%, nel 2021 di nuovo 200mila visitatori” foto video

Svelato il nuovo assetto societario di Piacenza Expo. L’occasione è stata la conferenza organizzata nella mattinata di giovedì 3 settembre, che ha visto protagonisti l’Amministratore Unico di Piacenza Expo, Giuseppe Cavalli, affiancato dal sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri (il Comune detiene la maggioranza delle azioni di Expo) e l’Assessore allo Sviluppo economico della Regione Emilia Romagna, il piacentino Vincenzo Colla, quest’ultimo presente a testimonianza del rinnovato impegno dell’Ente di Viale Aldo Moro nei confronti di Piacenza Expo. Un dietro front rispetto alla scelta, annunciata poco più di un anno fa, di uscire dal capitale sociale dell’Ente Fiera.

“Abbiamo deciso di condividere un piano di sviluppo e di rinascita della Fiera di Piacenza – ha sottolineato Colla -. Per quanto ci riguarda siamo pronti, abbiamo già predisposto il testo di una legge regionale, necessaria per sottoscrivere un capitale sociale che arriverà al 4-5%: vuol dire che per noi, come Regione, scommettere sulle fiere vuol dire scommettere su un’idea di politica internazionale, di relazione. Stiamo parlando di motori di sviluppo molto importanti, che creano relazioni ed indotto. Nel 2021 vogliamo tornare ad avere 200mila visitatori in questa fiera, questo vorrebbe dire anche aiutare il terziario: alberghi, ristoranti. Dare una risposta a quei settori colpiti notevolmente dal lockdown. “La Fiera di Piacenza – ha aggiunto l’assessore piacentino – ha grandi competenze e professionalità, la gente che ci lavora conosce il mondo, è un patrimonio non solo delle fiere ma che si relaziona con il sistema economico-produttivo di questa città e della Regione”.

“Oggi è un giorno importante non soltanto per Piacenza Expo, ma per tutto il territorio piacentino – le parole soddisfatte di Cavalli -. Sopratutto per il nostro sistema economico e produttivo. Lo dico senza peccare di presunzione, Piacenza Expo non è soltanto una vetrina internazionale in cui si promuovono aziende, beni e servizi; ma anche uno straordinario volano per l’economia del nostro territorio. Piacenza Expo porta ogni anno, grazie a fiere ed eventi piccoli, medi e grandi, oltre 200mila persone, tra espositori, allestitori e visitatori. Tutto questo porta un indotto per il nostro territorio che oscilla tra i 7 e gli 8 milioni di euro. Questi dati ci dicono che PcExpo è un valore aggiunto per la nostra terra, una “portaerei” che può contribuire in maniera concreta a far decollare l’economia piacentina, sopratutto in un periodo storico difficile come quello che stiamo vivendo”.

Sull’impegno della Regione nell’Ente Fiera, Cavalli ha detto che “c’è molto entusiasmo. E’ una presenza significativa sia dal punto di vista economico-finanziario, ma anche politico. Un segno importante che dimostra che la Regione crede nel territorio piacentino: un territorio bistrattato dal covid che però dà segnali di ripresa. Piacenza Expo è ancora più forte e lo dimostreremo con il nostro programma: entro fine anno avremo 4 eventi importantissimi, covid permettendo, con la promessa per il prossimo anno di riprendere quanto è stato annullato”.

Commento soddisfatto anche da Patrizia Barbieri  “La Regione – ha ricordato – negli anni passati era orientata ad uscire dal sistema fieristico piacentino; il fatto invece che a fronte di un lavoro intenso, che si è protratto nell’ultimo periodo, vi è stato un cambio nella valutazione e una volontà di impegnarsi concretamente nel rilancio di Piacenza Expo è davvero importante. Non solo come volano per il territorio e per il turismo, ma anche perchè può essere una risposta per le nostre imprese e per il tessuto industriale”.

LA NOTA STAMPA – Inizia a delinearsi nel segno della Regione Emilia Romagna il nuovo assetto societario di Piacenza Expo. Come preannunciato due mesi fa dall’Amministratore Unico, Giuseppe Cavalli, in occasione dell’Assemblea per l’approvazione del bilancio, l’ente di Viale Aldo Moro non solo non uscirà dalla compagine sociale – così come era stato deciso nel 2018 – ma au-menterà la propria consistenza azionaria che dovrebbe salire dall’attuale 1% ad una quota compresa tra il 4 e il 5%.

La notizia è stata ufficializzata oggi nel corso di una conferenza stampa alla presenza, oltre che dell’Amministratore Cavalli, dell’Assessore regionale allo Sviluppo economico, Vincenzo Colla, e del Sindaco di Piacenza, Patrizia Barbieri.
“Un risultato importante – ha detto Cavalli – non solo per Piacenza Expo, ma anche per il sistema economico produttivo del nostro territorio. Ho sempre considerato Piacenza Expo come una vetrina internazionale per promuovere e far crescere il territorio e l’economia piacentina, e credo che la decisione della Regione di aumentare la propria presenza nel nostro ente fieristico contribuisca a consolidare ulteriormente questo nostro obiettivo. Nei mesi scorsi ci siamo confrontati più volte con l’Assessore Colla, che ringrazio per la disponibilità e la vena collaborativa, e con i dirigenti del suo assessorato a cui abbiamo presentato, con dati concreti, la crescita fatta registrare negli ultimi anni da Piacenza Expo. Siamo stati i primi in Italia, dopo l’emergenza sanitaria, a ripartire con un evento fieristico a cui seguiranno gli appuntamenti che abbiamo programmato per i mesi autunnali. Grazie all’apporto della Regione possiamo guardare al futuro con rinnovato ottimismo e concretizzare il nuovo piano industriale, che servirà a potenziare le nostre strutture espositive e a consolidare ulte-riormente la posizione di Piacenza Expo, e quella di tutti i suoi Soci, nel mercato fieristico italiano”.

“La crescita di Piacenza Expo – ha sottolineato il Sindaco, Patrizia Barbieri – è un fatto concreto di cui è doveroso dare merito all’Amministratore Cavalli e a tutto il suo staff, e credo che anche la Re-gione abbia fatto leva su questo trend positivo per rivedere la propria posizione e per decidere di consolidare la propria presenza nel capitale sociale. Il mercato fieristico ha subito una grande tra-sformazione negli ultimi anni e Piacenza Expo, grazie alla sua capacità ricettiva, alle caratteristiche delle sue strutture e anche alla felice collocazione geografica, ha saputo ritagliarsi un ruolo di rilievo specializzandosi in fiere specialistiche e di nicchia di livello nazionale ed internazionale molto ap-prezzate. Sono lieta che la Regione abbia fatto questa scelta a favore del territorio piacentino, e di questo voglio ringraziare in particolare l’Assessore Colla per l’impegno e il lavoro che ha dedicato al raggiungimento di questo risultato”.

Conclusione riservata all’Assessore Vincenzo Colla che, dopo alcuni ricordi personali legati alla sua terra d’origine, ha ufficializzato la decisione della Regione. “Le Fiere – ha precisato l’Assessore Colla – rappresentano per l’economia di questa regione un fatto-re strategico di sviluppo delle filiere territoriali, garantendo quella rete di relazioni e di scambio con le migliori realtà ed esperienze sia italiane che internazionali, che rappresenta un elemento fondamen-tale per creare valore e occupazione. Per questo, come annunciato a luglio, non solo non abbando-niamo Piacenza Expo, ma vogliamo aumentare la partecipazione della Regione della compagine societaria. Avvieremo pertanto la procedura istituzionale, proponendo all’Assemblea legislativa la legge per confermare e incrementare la presenza dell’Istituzione regionale nell’assetto societario. Al di là dei numeri, la volontà della Regione è quella di essere sempre più vicina ai suoi territori, così come dimostra la scelta che abbiamo presentato oggi“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.