Quantcast

‘La rivoluzione siamo noi’, dopo il lungo stop la mostra riapre il 26 settembre “Ripartiamo dalla cultura”

Dopo l’emergenza Coronavirus che ne aveva interrotto il cammino, dal 26 settembre 2020 al 10 gennaio 2021, riapre la mostra ‘La rivoluzione siamo noi’. Collezionismo italiano contemporaneo, ospitata da XNL Piacenza Contemporanea, il centro culturale interamente dedicato all’arte contemporanea della Fondazione di Piacenza e Vigevano.

Inoltre, per festeggiare la riapertura dell’esposizione, venerdì 25 settembre, alle ore 21.00, l’Auditorium di XNL ospiterà il concerto Bird at 100, in collaborazione con il Conservatorio Giuseppe Nicolini di Piacenza. Nel corso della serata, il quintetto composto da Lucio Ferrara (chitarra), Mattia Cigalini (sax alto), Andrea Dulbecco (vibrafono), Riccardo Fioravanti (basso), Pasquale Fiore (batteria) eseguirà brani di Charlie Parker.

I dettagli di questa ripartenza sono stati presentati dal presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano, Massimo Toscani, in conferenza stampa, insieme al curatore della mostra Alberto Fiz e da Walter Casali, direttore del conservatorio Nicolini di Piacenza. In video collegamento è intervenuta anche Gemma Testa, una dei 18 collezionisti privati che hanno prestato le opere alla mostra di Palazzo Ex Enel.

Proprio ai collezionisti, Massimo Toscani ha voluto rivolgere un pensiero di ringraziamento. “Tutti quanti – ha commentato -, nonostante l’interruzione, hanno lasciato nei locali di Xnl Piacenza Contemporanea le loro opere: credo sia un fatto rarissimo, significa che hanno compreso il valore di questa esposizione”.

Per il presidente della Fondazione, la riapertura del contenitore dedicato all’arte contemporanea è un segnale forte per la ripartenza della città dopo l’emergenza covid. “La cultura – ha sottolineato -, laddove viene garantita sempre la sicurezza, è un veicolo fondamentale di questo processo di ripresa. In questa direzione andranno tutta una serie di iniziative di cui saremo protagonisti da qui a pochi mesi, come  il cavallo di Mimmo Paladino, installazione multimediale temporanea che verrà posta in Piazza Cavalli ad ottobre. Poi abbiamo in mente di fare qualcosa anche per i 700 anni dalla morte di Dante, che cadranno nel 2021. L’obiettivo è quello di dare all’esterno l’idea di una città attraente”.

LA MOSTRA – ‘La rivoluzione siamo noi’, curata da Alberto Fiz, organizzata dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano, col patrocinio del MiBACT – Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, della Regione Emilia-Romagna, con un progetto di allestimento di Michele De Lucchi e AMDL CIRCLE e la consulenza scientifica del Polo Territoriale di Mantova del Politecnico di Milano, presenta oltre 150 opere, tra dipinti, sculture, fotografie, video e installazioni di autori quali Piero Manzoni, Lucio Fontana, Paul McCarthy, Sislej Xhafa, Sophie Calle, Joseph Kosuth, Giuseppe Penone, Michelangelo Pistoletto, Marina Abramović, Tomás Saraceno, Sol LeWitt, Andy Warhol, Bill Viola, Dan Flavin, provenienti da 18 collezioni d’arte, tra le più importanti in Italia, che indagano trasversalmente movimenti, stili e tendenze della contemporaneità.

L’iniziativa si completa alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi – i cui locali sono attigui a quelli di XNL – dove una serie di lavori di artisti tra cui Ettore Spalletti, Wolfgang Laib, Fabio Mauri, Mike Nelson, Mimmo Jodice, Pietro Roccasalva, dialoga con i capolavori dell’Ottocento e del Novecento, raccolti dall’imprenditore e collezionista piacentino Giuseppe Ricci Oddi che costituisce un fondamentale modello di riferimento.

Il percorso espositivo si arricchisce di nuovi lavori, come le tre opere di Christo, quale omaggio al maestro bulgaro, recentemente scomparso. Sono lavori che hanno come riferimento i celebri interventi realizzati da Christo in Italia negli anni settanta. I primi due, provenienti dalla Collezione Consolandi di Milano e dalla Collezione Alt di Bergamo, riguardano l’impacchettamento del Monumento a Vittorio Emanuele a Milano del 1970, il terzo, messo a disposizione dalla Collezione Gori-Fattoria di Celle, è relativo all’impacchettamento di Porta Pinciana a Roma avvenuto nel 1974.

Tra le novità anche il lavoro fotografico di Maurizio Cattelan (Collezione Sandretto Re Rebaudengo, Torino), dal titolo Cesena 47-A.C. Forniture Sud 12″ (2° tempo), che riflette sul tema dell’accoglienza e dell’immigrazione e che documenta la partita a un enorme calcio-balilla a 11 posti, organizzata dall’artista italiano alla Galleria d’Arte Moderna di Bologna nel 1991, tra una squadra composta dalle riserve dell’A.C. Cesena e una rappresentativa di operai senegalesi reclutati nelle fabbriche del nord-est italiano, sulle cui maglie campeggiava un immaginario quanto irreale sponsor “Rauss”.

La mostra documenta il fenomeno del collezionismo nella sua globalità attraverso le vicende di oltre cinquant’anni. Ne emerge un grande affresco collettivo, una ‘collezione delle collezioni’, come afferma Alberto Fiz, legata alla passione e al gusto del nostro tempo, che consente al visitatore di entrare in uno straordinario museo privato, ricco di sorprese, ordinato dal curatore che ha instaurato un rapporto di complicità con i collezionisti, liberi da qualsiasi tentazione autoreferenziale. La rassegna è accompagnata dalle video-interviste ai collezionisti raccolte in un prezioso documento realizzato da Roberto Dassoni insieme a Eugenio Gazzola.

La rivoluzione siamo noi permette di conciliare sia la componente spettacolare sia quella più intima ed emozionale, creando una relazione tra le opere, gli artisti e le motivazioni del collezionare, come emerge dalle otto sezioni – Complicità, Domestiche alterazioni, Rovesciare il Mondo, Enigma, L’altro visto da sé, Controllare il caos, Esplorazioni, Spazi di Monocromia – della rassegna dove ciascuna rappresenta una collezione in un contesto animato da interferenze, suggestioni e scardinamenti temporali.

Catalogo Silvana Editoriale (bilingue, italiano e inglese).

Piacenza, settembre 2020

COLLEZIONI
Collezione Agiverona; Collezione Alt, Bergamo; Collezione Consolandi, Milano; Collezione De Iorio, Trento; Collezione Ernesto Esposito, Napoli; Collezione Floridi, Roma; Collezione Giuliani, Roma; Collezione Gori-Fattoria di Celle, Pistoia; Collezione La Gaia, Busca; Collezione Emilio e Luisa Marinoni, Lurago Marinone; Collezione Mattioli Rossi; Collezione Mazzolini, Bobbio; Collezione Nomas Foundation, Roma; Collezione Claudio e Maria Grazia Palmigiano, Milano; Collezione Pierluigi e Natalina Remotti, Milano/Camogli; Collezione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; Collezione Giuliana e Tommaso Setari, Parigi/Bruxelles, Collezione Gemma De Angelis Testa, Milano.

LA RIVOLUZIONE SIAMO NOI. Collezionismo italiano contemporaneo
Piacenza, XNL PIACENZA CONTEMPORANEA (via Santa Franca, 36) | Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi (via San Siro, 13)

NUOVE DATE: 26 settembre 2020 – 10 gennaio 2021

Orari: dal martedì alla domenica, 10.00-19.00; lunedì chiuso

Biglietti – intero: €12,00; ridotto: €10,00 (under 26; over 65; insegnanti in attività muniti di tessera o dichiarazione della scuola; forze dell’ordine in attività muniti di tessera; persone con invalidità inferiore al 100%; soci Touring Club, FAI, ACI, ARCI, Associazione Dimore storiche, Italia Nostra), cortesia: €5,00 (under 18; guide turistiche abilitate munite di tessera, senza gruppo al seguito; possessori tessere ICOM e ICCROM; dipendenti MiBACT muniti di tessera; accompagnatori gruppi scolastici);

Ingresso gratuito per bambini sotto ai 6 anni; persone con invalidità al 100% (in possesso di verbale di invalidità che attesti la percentuale dichiarata) e accompagnatore. Per i bambini sotto ai 6 anni e persone con invalidità al 100% non è richiesto il pagamento della prevendita anche in caso di prenotazione del biglietto da parte dei genitori e di altri accompagnatori.

Biglietti speciali:
Biglietto speciale Pausa Pranzo: €8,00
(per tutti i visitatori esclusivamente dal martedì al venerdì non festivi dalle 12.00 alle 15.00)

Biglietto studenti universitari fino a 25 anni, ricercatori e dottorandi delle università italiane: € 7,00 (esclusivamente da martedì a venerdì dalle ore 14.00 alle ore 19.00)

È possibile pagare il biglietto tramite 18App e Carta del Docente

Info:
Informazioni e prenotazioni: 02 45395116
Visite guidate: tel. 334 8283744 – 334 8283717
Sede mostra: 0523 398401

info@xnlpiacenza.it

Sito internet: www.xnlpiacenza.it

Catalogo: Silvana Editoriale

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.