Quantcast

Mainardi “Sicuri che riapra il Pronto Soccorso di Fiorenzuola?”

Intervento di Nando Mainardi  – consigliere comunale Sinistra per Fiorenzuola

Nei giorni scorsi, il Direttore Generale della A.Usl di Piacenza e i Sindaci hanno annunciato la riapertura, a partire da lunedì, dei pronto soccorso di Fiorenzuola e Castel San Giovanni. Sicuri che sia così? O forse, semplicemente, viene ampliata l’apertura dei PPI (punti di primo intervento) da 12 a 24 ore? La differenza non è di poco conto e va ben al di là delle sigle e degli aspetti nominalistici, dato che – contrariamente al pronto soccorso – il punto di primo intervento non interviene nel caso di problematiche specifiche sanitarie, ma rinvia alla sede centrale di Piacenza. Questo perché il servizio di pronto soccorso implica la presenza di specialisti di cui, a oggi, l’Ospedale di Fiorenzuola non dispone.

Ha realizzato, per esempio, il Sindaco di Fiorenzuola che la figura dell’anestesista, fondamentale appunto per il funzionamento del pronto soccorso, non sarà presente nell’arco di tutte le 24 ore e tutti i giorni della settimana? O che il cardiologo è tornato all’Ospedale di Fiorenzuola non grazie alle richieste istituzionali dei Comuni, ma perché c’è stata una sentenza del Tribunale che ha reintegrato il professionista nella struttura di Fiorenzuola?

Certo, che il PPI riprenda a essere operativo per tutto il giorno, rispetto al taglio orario di qualche mese fa, è un passo in avanti, ma è ora di finirla, per il resto, di fare i venditori di fumo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.