Mascherine nel post Covid, ecco quando è obbligatorio indossarle

Più informazioni su

A seguito della diffusione del Coronavirus, gli enti ministeriali hanno imposto alcune disposizioni obbligatorie che permettano di contenere i contagi così da ridurre il più possibile il diffondersi del virus ed evitare di tornare allo stato di lockdown che ha caratterizzato i primi mesi del 2020.

Oltre al distanziamento sociale, che prevede il divieto assoluto della formazione di assembramenti e impone una distanza di almeno un metro tra una persona e l’altra, è stato stabilito di dover indossare la mascherina in tutte quelle situazioni in cui sia più alto il rischio di contagio Nello specifico, le mascherine dpi sono obbligatorie all’interno di qualsiasi tipo di luogo pubblico chiuso: dai supermercati ai negozi, dagli ambulatori medici agli impianti sportivi, dai luoghi di culto ai musei. All’aperto, se non sussiste alcun rischio di assembramento e fino a quando permane la possibilità di mantenere il distanziamento sociale, l’uso della mascherina non è sempre necessario.

Tuttavia, è stato recentemente imposto l’obbligo di indossarla anche all’aperto dalle 18 della sera alle 6 della mattina, con un riguardo particolare per tutte quei luoghi in cui si verifica un maggiore rischio di non soddisfare le regole di distanziamento. È il caso dei centri storici, dei quartieri in cui si svolge una vita notturna molto vivace, delle spiagge, delle aree esterne di pubblici esercizi come pub, ristoranti e pizzerie, delle località turistiche. Poiché alcune normative variano da regione a regione, per evitare il rischio di inadempienza, e di conseguente sanzione, è comunque opportuno verificare le disposizioni del territorio di residenza o di villeggiatura.

Qual è il tipo di mascherina più efficace

Le mascherine sono dispositivi di protezione individuale a cui ricorrere quando non fosse possibile mantenere un costante distanziamento di un metro. Le più diffuse sono le mascherine chirurgiche monouso, ideali per limitare la diffusione di agenti infettivi di diverso genere: se indossate correttamente da tutti, costituiscono un ottimo strumento di protezione, oltretutto molto economico. Per garantire la massima efficacia, le mascherine chirurgiche devono essere certificate e realizzate a norma, inoltre è bene tenere conto che si tratta di dispositivi usa e getta: per tale ragione, si consiglia di tenerne sempre con sé almeno una di scorta. Le mascherine chirurgiche della migliore qualità sono confortevoli e resistenti, garantiscono un’eccellente traspirazione e sono costituite da un triplo strato protettivo

Parallelamente, si è diffuso anche l’uso delle mascherine lavabili e riutilizzabili più volte. Questo tipo di prodotto, pur non costituendo un presidio medico originale, evita di trasmettere e diffondere virus e batteri, e offre il vantaggio di poter essere lavata e riutilizzata un certo numero di volte, di solito da 20 a 50. Per di più, la grande varietà di fantasie e colori ha trasformato questo tipo di mascherina in un oggetto fashion e al tempo stesso originale.

L’alternativa alla mascherina chirurgica: le FFP2

Un’alternativa alla tradizionale mascherina chirurgica monouso è la FFP2: si tratta di una mascherina particolarmente coprente che, oltre ad evitare di trasmettere agli altri eventuali particelle patogene, offre anche a chi la indossa un potere filtrante per circa il 95% di virus e batteri. Ovviamente, anche in questo caso è molto importante utilizzare un prodotto di qualità, certificato secondo gli standard, prestando attenzione, dopo averla indossata, a coprire perfettamente naso e bocca. Questa tipologia di mascherina deve essere sostituita non appena diventi umida e smaltita in un sacchetto sigillato accuratamente.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.