Quantcast

Parte con la Coppa Italia la stagione del nuovo Piace, al Garilli arriva il Teramo (ore 15.30)

Prima gara ufficiale della stagione per il Piacenza, che questo pomeriggio al Garilli (fischio d’inizio ore 15.30, aggiornamenti in diretta su PiacenzaSera.it) affronta il Teramo per il primo turno eliminatorio di Coppa Italia. Si gioca a porte chiuse in gara secca, con supplementari ed eventuali rigori in caso di parità al 90’: la vincente affronterà la Reggina.

Un primo test significativo, contro una formazione di pari categoria, a pochi giorni dall’inizio ufficiale del campionato (domenica, sciopero permettendo, al Garilli arriverà il Grosseto) per una squadra completamente rinnovata rispetto a quella dell’ultima stagione, con in panchina il nuovo tecnico Vincenzo Manzo, e che sicuramente vorrà subito ben figurare. Incoraggianti alcune indicazioni emerse nel corso dei test amichevoli, a partire dalla costruzione della manovra e dall’impianto di gioco, aspetti significativi considerati i profondi cambiamenti in rosa; dall’altra parte sembra mancare ancora un po’ di concretezza sotto porta, a fronte delle occasioni create, mentre in difesa le diverse reti subite su palle alte sono indice di meccanismi ancora da registrare.

Gruppo quasi al completo a disposizione di Manzo (out Miceli e Saputo), che per la prima uscita ufficiale dovrebbe confermare il 4-3-3 visto finora, con il tridente composto da Siani, Babbi e Villanova. “La Coppa Italia è un appuntamento che vogliamo onorare – ha fatto il punto il Responsabile dell’Area Tecnica Simone Di Battista -. Il precampionato ha lasciato ottime sensazioni, collegate al fatto che abbiamo costruito una squadra praticamente da zero: dalla prima amichevole ad oggi siamo cresciuti molto, c’è ancora tanto da lavorare ma penso che potremo toglierci delle soddisfazioni”.

In casa Teramo ha parlato alla vigilia il tecnico Massimo Paci: “Dobbiamo andare a Piacenza con la mentalità giusta – le sue parole riportate dal sito della società -, giocandoci il match fino alla fine. La squadra deve acquisire fiducia e consapevolezza, non è più tempo di prove: dobbiamo far vedere che ci siamo, al di là di quanto potrà accadere in campo. Il Piacenza? L’abbiamo studiato, è una compagine forte e organizzata”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.