Più controlli su bici e monopattini “Bene mobilità dolce, ma si seguano le regole”

Dopo il lockdown anche a Piacenza, favoriti dagli incentivi governativi sulla mobilità dolce, per le strade della città si vedono sfrecciare con sempre più frequenza i monopattini elettrici. Un mezzo green e pratico, spesso però usato con troppa superficialità e senza le dovute precauzioni.

Va in questa direzione la nuova campagna di sensibilizzazione “Ama la tua città”, lanciata dal Comune di Piacenza in sinergia con la Polizia Locale, incentrata sul rispetto delle regole da parte di chi si muove, sul territorio urbano, a bordo di monopattini e biciclette. Manifesti, locandine e informazione online sul sito del Comune per ricordare a tutti i cittadini l’importanza del rispetto delle regole e dei giusti comportamenti su strada. 

“Come Amministrazione – ha spiegato l’assessore alla Sicurezza Luca Zandonella presentando l’iniziativa – siamo a favore della mobilità dolce, tanto che a breve anche a Piacenza sarà attivo un servizio di sharing dei monopattini elettrici, tuttavia questo non significa legittimare l’utilizzo delle strade a proprio piacimento, col rischio di mettere a repentaglio l’incolumità propria e degli altri”. Sul capitolo bici, Zandonella ha inoltre ribadito che “rimane il divieto di andare contromano in qualsiasi zona della città. E, nonostante il nuovo disegno di legge, che dà la possibilità alle singole amministrazioni di dare maggiori concessioni, la nostra idea è quella di mantenere la situazione invariata in quanto la riteniamo la scelta più sicura”.

La campagna di sensibilizzazione sarà accompagnata anche da un potenziamento dei controlli da parte della Polizia Locale. “La sensazione in questi mesi è che da parte delle persone ci sia un utilizzo poco attento dei monopattini – ha detto il comandante Giorgio Benvenuti -. Fortunatamente ad oggi abbiamo registrato solo un paio di incidenti non gravi: uno con una caduta autonoma e un altro che ha coinvolto anche un’auto”. Due anche le sanzioni per utenti troppo “spericolati”. “In entrambi i casi – ha spiegato Benvenuti – le multe, da 50 euro l’una, sono arrivate perché sul monopattino viaggiavano due persone”.

Quello dell’utilizzo in solitaria del monopattino è solo uno degli obblighi da rispettare per non incorrere in sanzioni, che possono andare da un minimo di 50 euro a un massimo di 400 euro, con confisca in caso di manomissioni alle caratteristiche tecniche (esempio motore “truccato”) o inefficienze del mezzo.

Ecco le altre principali disposizioni da seguire

Patente: non è necessaria la patente di guida

Età del conducente: almeno 14 anni

Protezioni: casco protettivo obbligatorio (provvisto di omologazione di qualsiasi tipo) fino al compimento della maggiore età, ma vivamente consigliato per tutti

Dove è possibile circolare? 

– Negli stessi spazi dove possono circolare le biciclette, a cui sono equiparati

– Circolazione vietata sui marciapiedi, sotto i portici, e negli spazi riservati ai pedoni

– Utilizzare le piste ciclabili ove presenti

– Circolazione consentita sulle strade urbane con limite di 50 km/h; sulle strade extraurbane è possibile circolare solo all’interno delle piste ciclabili

Velocità massima

– 6 km/h nelle aree pedonali

– 25 km/h in altre aree

Cosa NON si può trasportare

– Altre persone

– Cose

– Animali

– Inoltre, non si può trainare o farsi trainare e non è possibile condurre animali

Visibilità e avvisi

– Obbligatorio il campanello

– Accendere le luci anteriori e posteriori e indossare un giubbino o bretelle retroriflettenti ad alta visibilità da mezz’ora dopo il tramonto, durante tutto il periodo dell’oscurità, e anche di giorno se necessario

Assicurazione

– Non obbligatoria ma vivamente consigliata a tutti, soprattutto in caso di incidente stradale

Altre regole

– Non sono consentiti seggiolini

– Uso del cellulare ammesso solo con auricolare (solo uno) e mantenendo libero l’uso delle mani

– Necessaria la marcatura «CE»

– Motore elettrico di potenza nominale continua non superiore a 0,5 Kw

– Rispettare le caratteristiche tecnico-costruttive previste dal Ministero dei trasporti (obbligo del campanello, della leva del freno, dell’acceleratore ecc.)

– Entrambe le mani devono essere libere e impugnare il manubrio

– Sempre obbligatorio rispettare le disposizioni previste dal codice della strada, tra cui:
– il senso di marcia
– i semafori
– la precedenza ai pedoni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.